Ritorna l'allerta maltempo per la penisola Italiana e stavolta le zone maggiormente colpite saranno soprattutto al nord e al centro dell'Italia. Quali saranno le regioni che saranno maggiormente colpite dai nubifragi? In questo articolo troverete tutti i dettagli e tutte le avvertenze della protezione civile. Stabile invece la situazione nelle regioni meridionali dove il sole splenderà tranne qualche sporadica pioggia.

Allerta in Veneto e Friuli

Lanciata l'allerta maltempo per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia dove abbondanti precipitazioni sono previste soprattutto nella serata di oggi 4 settembre e nel pomeriggio di domani 5 settembre.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Previsioni meteo

Le precipitazioni maggiori sono previste anche nella pianura del Veneto e gli abbondanti accumuli di acqua potrebbero arrivare anche a 50 mm. Le Alpi friuliane saranno invase da forti fenomeni che arriveranno anche sulle Dolomiti. Nella nottata è prevista invece una pausa in cui la pioggia smetterà di battere.

Nel pomeriggio di domani 5 settembre, la situazione peggiorerà di nuovo e potrebbe raggiungere anche quote di 75 mm di piogge.

Allerta anche in Toscana, Lazio, Marche, Sardegna e Umbria

In queste altre regioni invece sono previste precipitazioni con accumuli anche di 80 o 100 mm di acqua. I maggiori rischi saranno soprattutto in Toscana e nel Lazio dove la probabilità di nubifragi è molto elevata. Temporali maggiormente localizzati invece in Sardegna dove nella notte la situazione dovrebbe migliorare. Nel Nord Ovest della penisola invece ci sarà qualche fenomeno meno intenso salvo qualche pioggia più abbondante che si manifesterà in Lombardia e nella Liguria di Levante.

Stabile sarà invece la situazione al Sud dove il sole continuerà a splendere e le temperature saranno molto alte. Qualche rischio precipitazione ci sarà soltanto nel fine settimana ed infatti è previsto un clima abbastanza instabile.

I migliori video del giorno

La situazione più complicata potrebbe manifestarsi in Campania, Sicilia e sporadicamente anche nella Calabria Tirrenica e Basilicata.

Per ulteriori dettagli vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo che avete appena letto.