Riapriamo la nostra rubrica dedicata alla cronaca calabrese per parlarvi dettagliatamente di un drammatico evento accaduto il 29 settembre nella provincia di Reggio Calabria e più precisamente a Gioiosa Jonica. Al centro della triste vicenda c'è un uomo di 42 anni, conducente di un autobus, che è stato accoltellato da una vedova di 64 anni arrabbiata e indignata con lui. Vediamo nel dettaglio cosa è accaduto sull'autobus in sosta in una via del centro di Gioiosa.

Arresto per tentato omicidio

Nel tardo pomeriggio del 29 settembre, i carabinieri di Gioiosa Jonica sono stati allertati per un drammatico avvenimento. L'autista di un autobus in particolare avrebbe rifiutato una vedova di 64 anni.

La donna furiosa per i tanti rifiuti ricevuti avrebbe preso un coltello e avrebbe cercato di colpirlo ripetutamente. La vedova accecata d'amore non avrebbe mai accettato l'allontanamento dell'uomo da lei e avrebbe deciso di punirlo con un coltello lungo 30 centimetri. La donna sarebbe stata arrestata dai carabinieri della compagnia di Marina di Gioiosa Jonica per tentato omicidio aggravato però dalla premeditazione. Le forze dell'ordine dopo averla bloccata avrebbero trovato, nella borsa della donna, l'arma, un coltello da cucina con lama da 12 centimetri. 

L'arresto della 64enne

Le forze dell'ordine dopo aver ricostruito la dinamica dell'incidente, avrebbero effettuato tutte le formalità di rito e avrebbero poi rinchiuso la donna nella casa circondariale di Reggio Calabria. Secondo gli investigatori infatti l'unico movente del folle gesto sarebbe il rifiuto del conducente alle avances della vedova.

I migliori video del giorno

Ulteriori dettagli però emergeranno a breve per capire anche come verrà processata la donna e a quale pena verrà condannata. Per avere ulteriori dettagli sulle vicende della cronaca calabrese vi invitiamo a continuare a seguire i nostri articoli diventando nostri follower. In particolare per farlo basterà cliccare in alto, sul tasto 'Segui', posizionati accanto al nome dell'autore dell'articolo.