Ieri profondamente divisi, i ministri dell'Unione Europea hanno affrontato la crisi dei migranti. L'agenzia dell'ONU per i rifugiati ha invitato tutti gli Stati membri a prendere una quota di richiedenti asilo nell'ambito di un piano di Bruxelles, al quale alcuni Paesi stanno resistendo ferocemente. Berlino ha annunciato che la misura temporanea sarebbe stata presa prima sulla frontiera meridionale con l'Austria, dove gli arrivi di migranti sono saliti alle stelle da quando Angela Merkel ha aperto i confini tedeschi ai rifugiati una settimana fa.

"Lo scopo di queste misure è quello di limitare le entrate in Germania", ha detto il ministro tedesco Thomas de Maiziere.

L'apertura delle frontiere tra i Paesi europei che hanno firmato il trattato di Schengen sono una parte cruciale del progetto europeo, ma i controlli possono essere reintrodotti, a condizione che siano solo temporanei. "La libera circolazione delle persone nell'ambito di Schengen è il simbolo dell'integrazione europea", ha detto la Commissione esecutiva dell'UE in un comunicato. "Tuttavia, l'altro lato della medaglia è una migliore gestione comune delle frontiere esterne e più solidarietà nel far fronte alla crisi dei rifugiati."

In una riunione di emergenza che si terrà oggi, i ministri di 28 Stati membri dell'UE discuteranno le proposte della Commissione di ridistribuire circa 160.000 richiedenti asilo in tutto il blocco. "Abbiamo bisogno di rapidi progressi sulle proposte della Commissione", ha detto la Commissione in una dichiarazione rilasciata da decine di migliaia di persone in fuga da guerre e dalla povertà in Siria e in altre parti del Medio Oriente, Asia e Africa.

I migliori video del giorno

Con la riunione di domenica sera tenutasi a Bruxelles non si è riusciti a trovare una situazione, con alcuni stati orientali che ancora rifiutano di accettare quote vincolanti di rifugiati. Essi sostengono che il piano attirerà più persone in Europa, distruggendo le loro società omogenee.

Mentre i politici degli stati europei discutono, la crisi di migranti continua a fare vittime: domenica 34 profughi, quasi la metà di loro neonati e bambini, sono annegati a largo di un'isola greca quando la loro barca è affondata.