Una notizia che sicuramente farà fremere gli amanti dello spazio e i curiosi, i quali sicuramente non vedranno l'ora di sapere cosa annuncerà l'agenzia spaziale. Infatti, la NASA ha programmato una conferenza in diretta streaming per lunedi 28 settembre alle ore 11:30 EDT (17:30 p.m. italiane). Parteciperanno alla conferenza Jim Green, direttore di scienza planetaria; Michael Meyer, direttore del Mars Exploration Program; Lujendra Ojha del Georgia Institute of Technology; Mary Beth Wilhelm del NASA’s Ames Research Center ed infine Alfred McEwen, investigatore principale del HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment).

Le colate nere di Marte

L'annuncio potrebbe riguardare le 'colate nere di marte' (recurring slope linae, RSL), che appaiono ogni anno sulla superficie del Pianeta Rosso durante le stagioni calde, per poi scomparire in quelle più fredde.

Sono state fatte molte ricerche approfondite su questo tipo di fenomeno. Nel 2011, Ojha e McEwen, pubblicarono un documento che ipotizzava che gli RSL potrebbero essere dovuti a flussi di acqua salata presente su Marte. Tuttavia, si necessitavano ulteriori approfondimenti per determinare la correttezza di tale teoria. 'Non abbiamo ancora la smoking gun (pistola fumante) che la responsabile delle RSL sia l'acqua, e non abbiamo idea di come possa verificarsi tale fenomeno', aveva affermato all'epoca Ojha.

La conferenza in diretta

Il dibattito per trovare le cause della formazione delle RSL e dell'eventuale presenza di acqua sotto la superficie del Pianeta Rosso è ampiamente aperto. La ricerca dello scienziato David Stillman suggerisce che possa esserci una fonte acquifera nel canyon marziano Valles Marineris.

I migliori video del giorno

Recenti ricerche hanno dimostrato che circa 4,5 miliardi di anni fa, Marte ospitava un immenso oceano di 137 metri di profondità che copriva la metà del suo emisfero settentrionale. L'evento sarà trasmesso in streaming lunedì 28 settembre sul sito ufficiale della NASA, e sarà possibile porre domande in tempo reale su twitter usando l'hashtag #askNasa.