Altre due scosse di terremoto sono state registrate nel Tirreno. L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia infatti ha rilevato due scosse nella notte tra il 24 e il 25 ottobre 2015 al largo della Calabria. La prima scossa si è verificata proprio alle ore 2:49 mentre la seconda qualche ora dopo. Per fortuna le scosse non sarebbero state avvertite dai cittadini. Vediamo nel dettaglio i primi dati emersi dopo l'analisi dei due sismi.

Le due scosse nel Tirreno

La prima scossa di terremoto, registrata alle ore 2:49 è stata localizzata nel distretto sismico del Tirreno Meridionale. Il Terremoto è stato di magnitudo 2.7 ed è stato molto profondo.

L'ipocentro infatti è stato registrato a ben 138 chilometri di profondità mentre l'epicentro è stato abbastanza lontano dai comuni abitati. Infatti è stato localizzato a 35 chilometri  a nord di Messina, a 45 chilometri a nord di Reggio Calabria e a 84 chilometri da Lamezia Terme. Il sisma non sarebbe stato avvertito dunque dalla popolazione. Per quanto riguarda la seconda scossa invece, è stata registrata qualche ora dopo ed ha avuto magnitudo più leggera pari cioè a 2.4. Il terremoto è stato localizzato nel distretto della costa calabra sud occidentale e precisamente a 54 chilometri da Lamezia Terme, 65 chilometri a Cosenza e 77 dalla provincia di Catanzaro. Anche questo secondo terremoto ha avuto ipocentro molto profondo e non sarebbe stato avvertito dai cittadini. La profondità rilevata è pari a 177 chilometri.

I migliori video del giorno

La situazione è costantemente controllata dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ed è infatti emerso che negli scorsi giorni, altre scosse sono state rilevate. Gli eventi sono in continuo aggiornamento. Potrete inoltre segnalare eventuali scosse da voi avvertite direttamente sul portale dell'Ingv. Per avere ulteriori dettagli sulla situazione sismica della Calabria e del Tirreno, vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo che avete appena ultimato di leggere.