Colpo di scena nel caso di Yara Gambirasio. Gli inquirenti stanno cercando di dare una spiegazione alle parole utilizzate da Fulvio Gambirasio, il padre della ragazzina prima scomparsa e poi ritrovata morta, in una telefonata fatta alla figlia quattro giorni dopo l'allontanamento da casa. Il padre della piccola Yara, nella segreteria del cellulare della ragazza, ha detto: "Sono passati quattro giorni... Devo cominciare a preoccuparmi? Fatti sentire. Fatevi sentire". Gli inquirenti si chiedono come mai abbia usato il plurale.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

A chi si stava rivolgendo Fulvio Gambirasio? Che cosa voleva lasciare intendere?

L'appello

Erano le 9:16 del 30 novembre 2010 e nella segreteria telefonica della 13enne è stato lasciato un messaggio vocale, in cui Fulvio Gambirasio rivolgeva un appello che agli inquirenti è parso strano.

Forse nascondeva una verità che non è stata detta fino in fondo? Dall'uso del plurale nella frase "fatevi sentire" si può intravedere la possibilità che il padre immaginasse che Yara si fosse allontanata in compagnia di qualcuno. Eppure la famiglia della ragazzina ha sempre dichiarato di non avere alcun tipo di sospetto sul suo allontanamento.

I dubbi

Gli investigatori si domandano come sia possibile fare un appello al plurale, se si era sicuri del fatto che Yara fosse lontana anche dal mondo dei primi innamoramenti. Si poteva ipotizzare un allontanamento volontario, magari in compagnia di qualcuno di cui Yara si fosse invaghita. In realtà un'ipotesi di questo genere è stata negata fin dall'inizio e non si è seguita una pista che portasse a questa opportunità. Forse quindi i Gambirasio stanno nascondendo qualcosa? Adesso proprio su quella strana telefonata saranno interrogati in aula e dovranno chiarire i dettagli su quel messaggio ambiguo lasciato alla segreteria del cellulare della figlia.

I migliori video del giorno

Gli inquirenti dovranno anche fare un'opera di ricostruzione, per capire come inserire l'eventuale ruolo di Massimo Bossetti, sospettato di essere l'assassino di Yara, nell'ambito di tutta questa storia del messaggio lasciato al cellulare. Da chiarire anche il mistero sulla possibilità che Yara sia uscita viva dalla palestra.