Terribile notizia arriva dalla regione Calabria dove una ragazza è stata sequestrata e violentata ripetutamente da due rom. I due responsabili sono stati arrestati, nella serata del 20 novembre, dalla polizia di Catanzaro. A denunciare le aggressioni era stata la stessa ragazza circa un mese fa. La vittima infatti era esausta delle continue minacce anche a mano armata. Vediamo nel dettaglio la prima ricostruzione delle forze dell'ordine.

Le violenze e la segregazione

Poco meno di un mese fa la ragazza, di etnia rom, aveva denunciato alle forze dell'ordine di Catanzaro una lunga serie di violenze che subiva da parte di due rom.

La ragazza aveva inoltre affermato che i due l'avevano segregata tra le mura dell'abitazione in cui lei stessa conviveva con uno dei suoi stupratori. Proprio in casa infatti si sarebbero consumate le ripetute violenze e anche le minacce con delle armi. La ragazza riceveva delle minacce quando rifiutava di prostituirsi o quando negava dei rapporti sessuali al suo convivente. I due responsabili sono S.B. e F.B., due rom rispettivamente di 35 e 40 anni. I due erano già noti alle forze dell'ordine ed infatti S.B era stato già segnalato per detenzione di stupefacenti, armi e anche per reati contro persone e patrimonio. F.B. invece era noto per delitti in temi di stupefacenti. 

Dopo il racconto della ragazza alle forze dell'ordine sono cominciate le indagini e la polizia ha rintracciato i due aggressori. La squadra mobile infatti li ha trovati sempre a Catanzaro, fuori dai loro indirizzi di residenza.

I migliori video del giorno

La ragazza inoltre aveva raccontato in più riprese le violenze che le venivano inflitte dai due rom. Dopo le indagini il Gip ha disposto il loro arresto. I due sono stati arrestati per il reato di violenza sessuale, sequestro di persona e anche riduzione in schiavitù nei confronti della loro connazionale. Ulteriori dettagli sulla condanna che verrà inflitta ai due uomini arriveranno a breve. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo di cui avete appena terminato la lettura.