Annuncio
Annuncio

Il Senegal prevede di varare una legge per vietare alle donne musulmane l'uso del burqa, il velo integrale che copre tutto il corpo lasciando intravedere solo gli occhi. La decisione è stata presa a seguito dell'intensificarsi di attentati da parte dei terroristi di Boko Haram e dell'Isis nei paesi africani. Ultimamente la tattica dei jihadisti di usare donne e bambine kamikaze per creare morte e distruzione ha indotto il governo senegalese a prendere questa decisione.

Religione di stato e sicurezza nazionale

L'iniziativa sicuramente non si può considerare anti islamica, essendo il Senegal un paese a maggioranza musulmana.

Si tratta di un problema di sicurezza nazionale: i terroristi di Boko Haram sia in Nigeria che in altri paesi africani hanno compiuto stragi nascondendo cinture esplosive sotto i burqa di donne e ragazzine costrette con la forza a immolarsi.

Advertisement

Se la legge fosse approvata, il Senegal sarebbe il quinto paese africano a limitare l'uso del velo integrale a causa della violenza jihadista. Nelle ultime settimane la polizia senegalese ha arrestato quattro imam ( guide spirituali ), accusati di legami con i terroristi.

Prevenire è meglio che curare

Probabilmente molti musulmani in Senegal storceranno il naso se questa legge fosse approvata, ma il fine giustifica i mezzi. Il pericolo di attentati è sempre alto non solo in Europa ma anche in paesi del Nordafrica e in quelli confinanti con la Nigeria. Vari gruppi terroristici tra i quali Isis, Al Qaeda, Boko Haram e Al Shabaab stanno devastando il continente africano con attentati sanguinosi, non si fermano davanti a nulla e la loro spietatezza fa rabbrividire. A volte misure e leggi che possono sembrare incostituzionali o ledere la libertà di alcuni gruppi religiosi, si rendono necessarie per la sicurezza della popolazione.

Advertisement
I migliori video del giorno

La cosa migliore sarebbe estirpare il problema alla radice limitando la circolazione e la vendita massiva di armi, cosa purtroppo di difficile attuazione, soprattutto se a foraggiare i gruppi terroristici sono paesi occidentali insospettabili, come ha affermato ultimamente il presidente russo Putin.