La conferma dell'avvenuto arresto dei due corvi responsabili della divulgazione di documenti riservati della Santa Sedeè giunta poche ore fa: si tratta diMonsignor Lucio Angel Vallejo Balda, spagnolo, che aveva già ricoperto il ruolo di segretario della prefettura degli affari economici, e della laica Francesca Immacolata Chaouqui, componente della commissione referente sulle attività economiche del Vaticano; quest'ultima tuttavia è stata già rimessa in libertà.

Mesi di indagini

Sono stati mesi di accurate indagini che hanno consentito di poterrisalire ai responsabili della sottrazione delle notizie riservate.

Le indagini svolte dalla Gendarmeria Vaticana hanno permesso di individuare due persone che nei giorni scorsi sono state convocate e interrogate sino a determinare il fermo delMonsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Chaouqui, entrambi membri attivi all'interno della santa sede.il Monsignore, infatti, aveva in passato assunto il ruolo di segretariodella Cosea, mentre la donna esercitava il ruolo di membro interno.Insomma, due figure molto vicine alle informazioni riservate e che non avrebbero avuto difficoltà a divulgare le informazioni. L'arresto è stato convalidato in data odierna, tuttavia mentre al Monsignor è stato confermato il fermo, Francesca Chaouqui è stata messa in libertà dopo qualche ora per aver collaborato alle indagini.

Il Papa informato dei fatti

Il Santo Padre Papa Francesco è statoimmediatamenteinformato dei fatti, confermandola sua approvazione in merito ai provvedimenti cautelari messi in atto dalla polizia vaticana. La Santa Sede, inoltre, ha tenuto a sottolineare che i libri scritti e pubblicati da Gianluigi Nuzzi e da Emiliano Fittipaldi, i quali contengonodocumenti riservati, sono il frutto di un grave tradimento nei confronti della fiducia e del rapporto instaurato con il Papa, una fiducia data a pochi e che è stata nettamente spezzata.

Tale circostanza ha messo nelle condizionila Santa Sede adover rifletteresulle condizioni da attuare per rimettere ordinesu quanto accaduto.

Segui la pagina Papa Francesco
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!