L'Assemblea Nazionale del popolo cinese ha adottato ierila legge, che autorizza dopo 35 anni le coppie ad avere due figli. Questa norma era attesa dallo scorso ottobre ed entrerà in vigore dal 1 gennaio 2016. La modifica della norma sulla pianificazione familiare, è stata approvata daideputati e si tratta diun emendamento, ponendo fine adoltre tre decenni dellarigidae poco amatapolitica.

Dopo le eccezioni, l'abolizione delle regole

Come detto, questa norma è stata prevista ed annunciata dal Partito Comunista Cinese, loscorso 29 ottobre.

Si tratta di un passo in avanti, anche se giànel 2013 c'era stato un allentamento, dato che erano state previste varie eccezionialla regola generarle, che prevedeva un solo figlio. Pare che l'abolizione di questa norma, sia nata dal fatto che la maggior parte delle famiglie, hanno cercato il figlio maschio. Oggi questo porta ad un problema demografico, perchè la maggior parte di questi ragazzi, ora non avranno la possibilità di sposarsi.

Gli squilibri demografici

La longeva misura era stata adottata nel 1979, pochi anni dopo la morte di Mao Tse Tung dal sostituto Deng Xiao Ping con l'intenzione di avere un metodo per il controllo demografico.

Questa norma molto contestata è stata finalmente abolita, in modo da porre rimedioaglisquilibridemografici creati che hanno portato il gigante asiatico, ad uno sviluppo dai piedi d'argilla. Con ogni probabilità si riuscirà a porre rimedio ad una situazione ormai non più sostenibile, che portava ad abusi, aborti di feti di sesso femminile o abbandoni anche eclatanti di bambine (come non ricordare i vari salvataggi nei bagni pubblici?). La punizione per chi non rispettava la norma consisteva in una semplice multa, diversa da provincia a provincia, che poteva raggiungere le decine di migliaia di yuan.

Gli esperti hanno spinto per avere l'abolizione, segnalando una decrescita della popolazione decisamente molto rapida ed un conseguente forte invecchiamento. Ora la Repubblica Popolare Cinese si è messa in moto per invertire la rotta, sperando che non sia troppo tardi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto