Si è conclusa oggi l'udienza, Veronica Panariello sarà giudicata con il rito abbreviato condizionato da una perizia psichiatrica, come richiesto dall'avvocato Francesco Villardita, l'avvocato di Veronica ed il Gup Andrea Reale ha accolto la richiesta. Veronica, ricordiamo, è stata accusata di omicidio aggravato ed occultamento di cadavere dalla procura di Ragusa che, oggi in aula, ha aggiunto anche la contestazione dell'aggravante della premeditazione nei confronti della mamma del piccolo Loris Stival, ucciso nel novembre di un anno fa a Santa Croce Camerina. Il rito abbreviato comporterà una riduzione di una eventuale pena.

La zia di Veronica non viene ammessa in aula

Antonella Stival, la zia di Veronica Panariello non è stata ammessa nell'aula del tribunale di Ragusa dove il gup Andrea Reale dovrà decidere se rinviare a giudizio la mamma del piccolo Loris ucciso appena un anno prima.

L'avvocato della donna ha richiesto la perizia psichiatrica ed il giudice l'ha subito rigettata. Così il legale ha deciso di condizionarla alla richiesta di un rito abbreviato. "E' stato un incidente, Loris si è strangolato mentre giocava con le fascette" aveva affermato Veronica solo di recente, dopo mesi nei quali continuava a ribadire di aver accompagnato il figlio a scuola. Per la procura invece non ci sono dubbi, si tratta di un omicidio, e per di più ora i magistrati contestano anche l'aggravante della premeditazione. I polsi del bimbo, secondo quanto ribadito dai periti, sono stati legati forse dopo lo strangolamento: a dimostrarlo la presenza di segni di compressione solo nella parte esterna. Mentre la ventisettenne continua a sostenere che Loris se li era legati da solo. Fra gli atti depositati dagli inquirenti al vaglio del gup anche alcune dichiarazioni di Veronica al marito, Davide Stival.

I migliori video del giorno

"Facciamo un viaggio insieme" avrebbe detto la giovane mamma poco dopo l'omicidio. La zia continua a sostenere la tesi secondo la quale la nipote non avrebbe ucciso il piccolo Loris, né avrebbe avuto motivazioni per compiere un gesto simile.