Federica Sciarelli, conduttrice del noto programma Rai Chi l'ha visto? è tornato a parlare del caso di Giulia Di Sabatino (19 anni al momento della morte) la ragazza trovata cadavere sulla corsia d'emergenza della A14. In studio sono stati ospiti alcuni parenti della giovane. Il programma di Rai 3 si sta occupando di tale caso settimana dopo settimana. In studio anche Meri Koci, la madre di Giulia, che ha avuto la forza di presenziare. Lo staff di CLV ha inoltre intervistato nelle ultime settimane la nonna della giovane, Angela, la quale ha il forte desiderio di sapere cosa sia successo alla nipote. Federica Sciarelli si è posta tale domanda: Giulia è stata buttata viva giù dal cavalcavia, oppure era già morta? Siccome sono passate anche delle auto sul suo corpo, è difficile dare una risposta definitiva a tale quesito.

Veronica Briganti, inviata del programma Rai, si è occupata del caso, con tanto di informazioni importanti. 

Il servizio di Veronica Briganti

Giulia è morta proprio il giorno del suo compleanno, sono ancora molti gli interrogativi sul caso Di Sabatino: dove è stata la ragazza prima di morire? E con chi? E' stato inoltre intervistato l'uomo che al momento è indagato per istigazione al suicidio nei confronti della 19enne. La notte tra il 31 Agosto ed il primo Settembre 2015 nessuno ha avvertito la polizia circa il fatto che vi fosse un cadavere sotto il cavalcavia vicino a Mosciano Sant' Angelo. Sono stati i dipendenti della società Autostrade ad accorgersi che vi fosse un corpo senza vita sull'asfalto. Dopo tale ritrovamento, gli inquirenti hanno cercato di fissare l'orario in cui la giovane Giulia fosse morta, interrogando tutti gli autotrasportatori che quella notte passarono sulla A14 verso Bologna.

I migliori video del giorno

Un lavoro senza dubbio certosino. Sono stati controllati tutti i tabulati dei camionisti ed uno di loro ha finalmente messo un punto fermo sulla notte in cui la ragazza ha perso la vita.

Nuovi importanti aggiornamenti

Queste sono le dichiarazioni del camionista in questione: "Sono passato lì quella notte ed ho visto qualcosa sulla corsia d'emergenza, sembrava un animale". Gli inquirenti hanno controllato il passaggio dell'uomo interrogato e sono stati trovati riscontri che hanno confermato la veridicità delle sue affermazioni. Invece, l'autotrasportatore che era passato lì verso le 4 di notte (un'ora prima), aveva detto di non aver notato nulla. C'è in tutto un buco di 5 ore, da quando Giulia era ancora viva, a quando è morta. Davvero la 19enne si è voluta suicidare gettandosi dal cavalcavia? In quel torno di tempo era da sola? E con chi stava? Che cosa è successo realmente quella notte?

Le dichiarazioni di Meri

La madre di Giulia ha riferito: "Mia figlia nella sua vita non è mai restata un'ora da sola, era timida ma aveva sempre le sue amiche.

In una delle ultime foto appare assieme ad un'amica di Tortoreto Alto. Andava alle sagre ed alle feste. Cinque ore quindi, mia figlia da sola non c'è mai stata da quando è nata. Perchè avrebbe dovuto restare da sola da mezzanotte fino alle 5:00 di mattina? Per cosa? A fare cosa? Mia figlia è stata con delle persone". Persone che Giulia stava raggiungendo con passo spedito come si vede dalle registrazioni di una telecamera? Ma la madre della ragazza è convinta anche di un'altra cosa: quella sera sua figlia aveva un appuntamento con qualcuno. Forse proprio in un posto vicino a quel cavalcavia.