La giornalista Federica Sciarelli, conduttrice del noto programma Rai Chi l'ha visto? è tornata ad occuparsi del caso di Roberta Ragusa nella puntata del 9 Dicembre. Loris Gozi, il supertestimone dell'inchiesta, è stato arrestato, lui che era stato considerato il testimone più importante per l'accusa nei confronti del marito di Roberta. Gozi è in carcere, in quanto deve scontare tre anni di reclusione per un furto. Come è stato reso noto dal suo avvocato Antonio Cozza, Loris è finito in carcere in quanto, essendo senza lavoro, il Tribunale di sorveglianza ha respinto la richiesta di misure alternative. Fatti questi risalenti al 2008. "Il suo senso civico-ha dichiarato Cozza-di riferire le sue conoscenze riguardanti il caso Ragusa, ha finito per nuocergli, perchè Gozi nonostante numerosi appelli televisivi, ha trovato le porte sbarrate e nessuno ha voluto offrirgli un lavoro". 

Il servizio di Chi l'ha visto? del 9 Dicembre

L'avvocato Cozza ha inoltre dichiarato che il suo assistito si sente fiducioso, anche perchè ha molte persone accanto che lo sostengono.

Tornando al caso Ragusa, un telespettatore di Chi l'ha visto? ha contattato la redazione del programma Rai ed ha parlato di una palazzina con delle finestre murate e che si trova a circa un chilometro di distanza dalla casa in cui abitava la donna scomparsa oramai da più di tre anni. Le inviate Paola Grauso e Roberta Pallotta sono andate a fare un sopralluogo. Il telespettatore precitato ha suggerito alla redazione di CLV che il posto da lui indicato, in quanto in abbandono e poco frequentato, sarebbe il posto ideale per nascondere un corpo. Lo spettatore ha gentilmente mostrato di persona la palazzina alle due giornaliste. La struttura abbandonata si trova in via Pietrasantina, nei pressi del cimitero di Pisa, a pochi metri dal territorio di San Giuliano. Quì si trova anche il rinomato santuario della Madonna dell'Acqua, adagiato sulle rive del fiume Morto.

I migliori video del giorno

La palazzina abbandonata, cosa c'è al suo interno?

Tutta la zona precedentemente menzionata, ai tempi della scomparsa di Roberta Ragusa, fu setacciata con un grande dispendio di uomini e mezzi. A quanto pare, le ricerche nei pressi del santuario della Madonna dell'Acqua non sembrano essersi fermate. Il sito presenta infatti diversi aspetti interessanti degni di ulteriori approfondimenti. Ritorniamo alla palazzina indicata dallo spettatore, proprio costui ha dichiarato alle telecamere di CLV: "Questo inizialmente era un ostello, ho poi saputo dal parroco che quì mettevano le famiglie indigenti in attesa di una casa popolare". All'uomo è stato chiesto perchè la struttura si presentasse così murata, ecco la risposta: "E' stato tutto murato per non far entrare le persone abusivamente all'interno".

C'è correlazione con il caso Ragusa?

Ecco arrivata poi la domanda più importante e significativa: "Perchè l'uomo ha messo in correlazione tale luogo abbandonato con la scomparsa della Ragusa?".

Il telespettatore ha dichiarato: "Ho visto che le ricerche si erano concentrate in questo luogo, a due passi dal cimitero di via Pietrasantina c'è questa struttura che non è molto lontana. Ho pensato che Roberta potesse essere dentro questo ostello". Andando in fondo, oltre l'ostello, c'è una casa privata, poi un'altra casa, oggi abbandonata, dove all'epoca della scomparsa di Roberta, vivevano delle famiglie di romeni e rom. Come è stato fatto notare dal telespettatore, anche tale struttura è stata murata. Le indagini proseguono.