Giunge la notizia di un nuovo incidente dalla regione Calabria. Stavolta per fortuna non parliamo della strada statale 106 ma di un'altra arteria molto frequentata dai calabresi. Si tratta della strada statale 107, la silana-crotonese. Nella mattina del 25 gennaio infatti è stato registrato un violento impatto che ha provocato due feriti. Sul posto la polizia stradale, i vigili del fuoco e i gli agenti dell'Anas. Vediamo insieme i primi dettagli che sono emersi riguardo alla dinamica del sinistro.

Pubblicità

Due feriti a Cosenza

Il tutto è accaduto nella provincia di Cosenza dove la strada statale 107 è stata momentaneamente chiusa in entrambi i sensi di marcia. Ovviamente non si tratta dell'intera arteria ma soltanto della zona localizzata nel chilometro 29,030. Qui infatti è avvenuto un brutto incidente che ha visto coinvolte due persone. Queste ultime sono rimaste ferite. Stando alle prime notizie giunte, si tratta di uno scontro tra un veicolo pesante e due veicoli leggeri ma ancora non è nota la dinamica precisa.

Le cause del sinistro sono ancora in corso di accertamento. A comunicare la chiusura della strada è stata la stessa Anas tramite una nota. Il traffico cittadino è stato così deviato su delle strade secondarie con precise segnalazioni sul luogo stesso. Grazie all'intervento della polizia stradale e dell'Anas è stata già assicurata la veloce riapertura della strada nel modo più efficiente possibile senza arrecare disagi agli automobilisti in viaggio. Ulteriori dettagli verranno pubblicati sicuramente a breve con la comunicazione della riapertura della statale.

Pubblicità

Non si tratta del primo impatto che avviene in Calabria negli ultimi giorni. A tal riguardo Anas, attraverso il comunicato, invita alla prudenza sulle strade ricordando che l'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web stradeanas.it Per qualsiasi informazione si ricorda che il servizio clienti `Pronto Anas` è attivo con il numero verde gratuito 800 841 148, disponibile dal primo gennaio 2016.