Terribile e drammatica notizia arriva in queste ore dalla Regione Calabria. Si tratta dell'ennesimo fatto di cronaca che viene registrato e riempie le pagine dei quotidiani. Stavolta non si tratta di un incidente stradale ma di una tragedia sfiorata. Nella provincia di Cosenza un uomo è stato quasi decapitato da un flessibile elettrico. Un incidente gravissimo che lo ha quasi portato alla morte. Vediamo le prime informazioni che sono emerse in seguito al grave incidente.

Tragedia sfiorata a Luzzi

Il tutto è avvenuto nella mattina del 27 gennaio intorno alle ore 10 nella provincia di Cosenza. Il comune interessato è stato precisamente quello di Luzzi. Qui un uomo, a quanto pare un anziano, è stato quasi decapitato da un flessibile elettrico che egli stesso stava utilizzando.

Al momento dell'incidente infatti l'uomo stava tagliando con l'attrezzo alcune traversine. Da quanto emerge dalle prime ricostruzioni, il flessibile gli sarebbe accidentalmente caduto ferendolo in modo molto grave. Si tratterebbe di un incidente e non di un tentativo di suicidio come invece si era pensato negli attimi immediatamente successivi al dramma.

Gravissime le condizioni dell'uomo

Ovviamente sul posto è stato necessario l'intervento dei sanitari del 118. L'unità di soccorso è immediatamente arrivata sul posto con l'elisoccorso. Il mezzo è atterrato in via Impenuti poco dopo il bivio di Taverna di Montalto Uffugo nella strada che porta a Luzzi. La vittima è stata trovata in una pozza di sangue in pessime condizioni. Immediatamente soccorso l'uomo è stato condotto presso l'ospedale civile Annunziata di Cosenza per tutte le cure del caso.

I migliori video del giorno

L'uomo è arrivato presso l'azienda ospedaliera ancora vivo ma davvero in pessime condizioni. Ovviamente la situazione è in continuo aggiornamento per monitorare la situazione è le condizioni della vittima. In attesa di ulteriori informazioni vi invitiamo a restare connessi con i nostri aggiornamenti cliccando sul tasto Segui posto in alto accanto al nome dell'autore.