Con i suoi negozi dislocati in ventisette Paesi diversi, la maggior parte in Europa, il colosso dell'arredamento Ikea resta leader del settore. In Italia abbiamo ben ventuno store dislocati in vari punti del Paese, con un ventiduesimo in arrivo in quel di Verona. Fatturati e un marchio che fanno invidia un po’ a tutti. Certo, non mancano criticità, come i tanti prodotti sovente ritirati dal mercato perché pericolosi. Soprattutto perché destinati ai più piccoli, i quali, per ragioni anagrafiche, ne fanno un uso ovviamente inconsapevole e disattento. Cassettiere, lampade, giocattoli luminosi. Ora per il rischio che si smontino e schiaccino i più piccoli; ora perché rischiano di provocare strangolamento; ora perché provocano scosse.

Un nuovo richiamo è stato diramato in queste ore, giacché il giocattolo in questione potrebbe generare un soffocamento. Vediamo quale.

Trattasi delle bacchette per tamburo Lattjo

Il giocattolo pericoloso in questione sono le bacchette per tamburo Lattjo, presenti in tutti gli store della multinazionale svedese. Ikea invita quanti l'abbiano acquistate a riportarle indietro, avendo un rimborso. Motivo? Alcuni collaboratori del colosso dell'arredamento si sono accorti che la pallina di gomma delle bacchette potrebbe staccarsi da sola o essere comunque facilmente svitata. Per ora si tratta solo di un potenziale pericolo, perché non è stato segnalato alcun caso. Del resto, Ikea fa sapere che il giocattolo ha superato appieno il test di sicurezza. Ma è sempre meglio evitare eventuali problemi.

I migliori video del giorno

Di fatto, il rischio è che la pallina, una volta staccatasi da sola o per volontà del bimbo , possa essere da lui ingerita, provocando un soffocamento.

Restituzione senza scontrino

Il tamburo Lattjo può essere riportato al negozio anche senza obbligo di presentare uno scontrino. Così come deciso da Ikea per altri casi precedenti. Una volta restituito, è possibile ottenere un rimborso immediato. Se è vero che i casi di pericolo per i più piccoli derivanti da prodotti Ikea non sono pochi, bisogna comunque riconoscere che la multinazionale svedese dell'arredamento dà sempre pronto avviso e modo per restituire il prodotto agevolmente.