In dieci anni il fatturato del gioco d'azzardo è cresciuto del trecentocinquanta per cento (350%). Non è solo un fenomeno sociale, ma una vera e propria patologia: la ludopatia (definita anche azzardopatia) è un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsi. Una vera e propria malattia dunque che però è anche un'industria che non conosce crisi economica e che negli ultimi quindici anni ha quasi quadruplicato il proprio fatturato superando gli ottanta miliardi di euro. E se sempre più commercianti decidono di installare le slot machine nei propri esercizi, a Treviso (in Veneto) un'ordinanza limita ad otto ore al giorno l'orario di funzionamento degli apparecchi nelle sale giochi autorizzate dallo Stato Italiano.

Le slot machine potranno funzionare solo dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 22.00 e per gli esercenti che non rispetteranno gli orari sono previste sanzioni dai venticinque ai cinquecento euro che possono anche tramutarsi in sospensione della licenza.

La Marca trevigiana ha visto aumentare anche il numero di separazioni tra coniugi per via della ludopatia, un problema per le famiglie sebbene le stesse siano fondamentali nel percorso di recupero matrimoniale ed infatti viene sempre coinvolta la famiglia quando è presente, perché, oltre ad essere parte lesa del familiare che gioca e si accanisce, sia dal punto di vista affettivo sia dal punto di vista economico, possono diventare una grossa risorsa nel trattamento.

Superare il vizio si può, anche con l'ASL

L'ASL (ente pubblico della Repubblica Italiana) locale è stata una delle prime in Italia ad avere un centro contro la dipendenza dal gioco d'azzardo ed a causa delle giocate via internet il fenomeno sta diventando dilagante, soprattutto tra i più giovani con le fasce di età più a rischio quelle dai 14 ai 18 anni.

I migliori video del giorno

Un vizio diabolico che porta, chi ne è affetto, a spendere risparmi di una vita e stipendi sudati nei gratta e vinci e nei giochi online, un vero e proprio problema che va affrontato in famiglia e con specialisti nel settore.