Nella giornata del 9 febbraio 2016 nella metropoli milanese è stato registrato un grave fatto di cronaca che vede protagonisti una vettura dei Carabinieri che viaggiava in quei momenti a sirene spiegate per le strade cittadine e una vettura privata. Nel violento scontro si registrano quattro feriti, il più grave è un agente 26enne. La dinamica dello scontro non è ancora chiara. Sul luogo sono intervenuti i mezzi del 118 che hanno prestato i primi soccorsi alle persone coinvolte nello scontro e gli uomini delle Forze dell'Ordine.

Pubblicità

L'auto dei Carabinieri viaggiava a sirene spiegate

Il veicolo dell'Arma dei Carabinieri si trovava in quegli istanti impegnato nel trasporto di un pregiudicato 32enne evaso dagli arresti domiciliari. L'auto percorreva le strade cittadine a sirene spiegate quando un veicolo, una Fiat Panda, presso piazza Melozzo da Forlì, erano circa le 13:00 del nove febbraio 2016, ha colpito sul lato destro la vettura dei carabinieri per motivi ancora da accertare. Sulla volante viaggiavano due agenti, un 26enne e un 25enne, mentre alla guida dell'altro veicolo vi era un uomo di 44 anni.

Il più grave è un agente di 26enne

Nello scontro sono rimasti feriti tutti i passeggeri delle due auto ma il Carabinere 26enne Martino De Cantis è stato a pagare il prezzo più alto. L'uomo si trova al momento ricoverato presso la struttura ospedaliera del Niguarda in prognosi riservata anche se al momento, secondo le informazioni disponibili, sarebbe fuori pericolo di vita. Sul luogo sono intervenuti immediatamente gli uomini dell'equipe medica del 118 che hanno prestato i soccorsi di prima necessità alle persone coinvolte nello scontro, i Vigili del Fuoco e le Forze dell'Ordine che hanno effettuato i primi rilievi del caso.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Non è ancora chiara la dinamica precisa dello scontro che sembrerebbe ad ora essere in corso di accertamento. Ulteriori dettagli dunque emergeranno nelle prossime ore. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto accanto al nome dell'autore.