Annuncio
Annuncio

" È inaccettabile e non riusciamo a spiegarcelo", queste le parole della sorella di Ferdinando Bosco sul suo estremo gesto ed alla famiglia dell'uomo non restano che le parole di costui scritte alla figlia dal cinquantacinquenne palermitano prima di darsi fuoco, dentro la sua automobile, in pieno centro a Palermo. "Vai a casa, prendi i soldi e i gioielli. Papà vola in cielo", avrebbe detto in un messaggio, tramite sms dal proprio smartphone, alla giovane dicianovenne. "Non avevamo avuto assolutamente capito nulla e ricevuto segnali di quello che voleva fare.

Non lo abbiamo mai lasciato solo. Mai. E lui non era un tipo che si metteva da parte, anzi si arraggianva a fare di tutto e per questo ribadisco che per noi sembra una cosa assurda", si confessa ancora la sorella dell'uomo suicida.

Advertisement

L'ennesima delusione

Prima elettrauto e dopo autotrasportatore, fino ad una settimana fa circa, quando Ferdinando Bosco ha perso di nuovo il lavoro; la figlia avrebbe cercato di chiamarlo ma quando è arrivata davanti all'automobile del padre era ormai troppo tardi: nei pressi di un mercato ortofrutticolo il cinquantacinquenne si era dato già alle fiamme, cospargendosi di benzina in un ultimo e disperato tentativo di fuggire via dalla sofferenza dopo aver detto nel messaggio alla figlia "perdonami per quello che sto facendo, ti voglio bene". Prima di trasferirsi a Villabate, abitava in una palazzina di Falsomiele (quartiere di Palermo) con la madre, deceduta due mesi: è qui che a Ferdinando Bosco sopraggiunge un grande dolore dal quale si era aggiunto anche quello della perdita di lavoro.

Advertisement
I migliori video del giorno

Le indagini dei carabinieri e la rabbia della sorella

Intanto i militari dei carabinieri di Villabate indagano sull'episodio ed è prevista l'autopsia sul corpo della vittima. C'è dolore ma anche rabbia per una crisi che travolge tutti, soprattutto al sud: "una cosa del genere non dovrebbe succedere mai ma intanto è capitata e continuerà a capitare, secondo me, perché c'è tanta e tanta crisi, troppa disperazione e nessun aiuto. A noi nessuno ci aiuta", conclude la sorella dell'uomo.