Questa mattina, all'alba, la guardia di Finanza ha proceduto agli arresti di 19 persone tra le quali molti dirigenti e funzionari della società Anas. Lo scandalo è avvenuto in seguito a delle tangenti scambiate tra la suddetta società e alcuni imprenditori, un giro di corruzione per l'assegnazione di appalti pubblici di grande interesse nella Capitale. Nello scandalo, è stato coinvolto anche un politico, Marco Martinelli, parlamentare di Forza Italia al quale è stato notificato un avviso di garanzia. 

Non è la prima volta che si parla di tangenti legate all'Anas, infatti già una prima inchiesta vedeva la società di costruzione stradale coinvolta in uno scandalo.

Pubblicità
Pubblicità

Era l'ottobre dello scorso anno e si era fatta luce sullo scambio di mazzette tra gli imprenditori e l'Anas. La dirigente della famosa impresa, Antonella Accroglianò, era soprannominata la Dama Nera, appellativo che ha dato il nome anche all'operazione. Proprio la Accroglianò era al centro degli scandali: la donna infatti agiva in piena autonomia non solo sugli appalti concessi in seguito a mazzette, ma anche per quanto riguarda espropri di terreno e sblocco di pratiche oltre che di contenziosi. Le perquisizioni e gli arresti di questa mattina da parte della Guardia di Finanza, sono quindi uno sviluppo della prima inchiesta.

Pubblicità

Si parla oggi di 'Dama Nera 2' poichè le ammissioni della Accoorglianò hanno permesso di concludere l'inchiesta in seguito alle sue ammissioni. 

Non solo arresti: 800.000 euro sequestrati

L'operazione non ha riguardato solo arresti di persone ritenute colpevoli di corruzione, ma anche di una cospicua somma di denaro che è vista come il frutto delle mazzette: 800.000 euro infatti sono stati sequestrati poichè considerati come il profitto derivante dalle tangenti.

Si parla quindi di una grande somma e di un'operazione condotta dal Nucleo della Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Roma che a seguito di verifiche, di 50 perquisizioni e delle ammissioni della 'Dama Nera', ha potuto portare a termine l'inchiesta iniziata ad ottobre dello scorso anno.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto