Pubblicità
Pubblicità

Premonizione? Fatalità? Difficile scoprirlo, come sempre in questi casi. Certo che quella foto postata su Facebook da Samar Ezz Eldin, hostess ventiseienne dell'aereo Egyptair Airbus A320 precipitato tre giorni fa nel Mediterraneo, fa un certo effetto. E sta già scatenando la fantasia del popolo del web, con cabalisti e studiosi del paranormale che stanno cercando una risposta a quell'immagine così premonitrice.

La foto di Samar, hostess di Egyptair

Già diverso tempo fa, la bella hostess della compagnia aerea egizia, Samar Ezz Eldin, aveva infatti postato sulla sua pagina Facebook una fotografia che la ritrae in divisa mentre trascinava un trolley.

Pubblicità

Dunque fin qui nulla di strano, dato che la ritrae nelle sue classiche vesti lavorative. Ma sullo sfondo si intravede anche il mare dal quale spunta la coda di un aereo precipitato che sta affondando nelle sue acque.

Come se la hostess avesse immaginato in anticipo il suo futuro. Una sua familiare, Mervat Mohamed, ha raccontato al giornale Al Watan chi fosse Samar: una donna di 26 anni che lavorava da due anni per la compagnia egizia. Si era anche sposata da poco, appena sei mesi fa. Il suo lavoro le piaceva molto, ma forse, era anche cosciente del pericolo che esso comportava.

Incidente Egyptair, forse si tratta di avaria

Varie sono le ipotesi che stanno circolando sulla possibile causa che ha portato all'incidente dell'Airbus A320 dell'Egyptair: attentato, suicidio del pilota, avaria dell'apparecchio. Con quest'ultima che sembra la più accreditata. Infatti, in queste ore sta emergendo come i sistemi automatici di comunicazione dell'aereo potrebbero aver lanciato messaggi di allerta proprio pochi minuti prima dello schianto. Avrebbero segnalato problemi al sistema di controllo e la fuoriuscita di fumo dalla cabina di comando dei piloti.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Ma siamo ancora alle ipotesi. Il mistero continua e sarà forse svelato quando il velivolo sarà ritrovato, soprattutto quando verrà aperta la scatola nera. Più difficile svelare quello della foto della povera Samar.