Si trova ricoverata all'ospedale San Martino con una diagnosi di prognosi riservata la 24enne Ilaria Porrato che la mattina del 5 giugno intorno alle 11.30 si trovava, assieme alla sua bambina di soli 3 anni, all'interno dell'ascensore pubblico sulle alture di Pegli (Genova) in via Rizzo crollato da circa 30 metri d'altezza. L'ascensore esterno ha una struttura in vetro, procede in posizione obliqua e collega la parte alta di via Rizzo con la parte bassa. La piccola Sofia è stata trasportata all'ospedale pediatrico Gaslini ma, fortunatamente, le sue condizioni son sarebbero gravi in quanto il passeggino su cui si trovava al momento dell'incidente, avrebbe attutito il colpo proteggendola dall'impatto.

Sono molto più serie invece le condizioni fisiche della madre, che lavora presso il Grand Hotel Mediterranee. Infatti la giovane donna ha subito un'operazione chirurgica a causa di una grave lesione ad un polmone e alla milza, avrebbe inoltre riportato diverse fratture.

I carabinieriaccorsi sul posto subito dopo l'incidente hanno associato la causa del crollo ad un guasto al motore e ad un cavo usurato che si sarebbe spezzato. Una testimone che ha assistito al fatto ha dichiarato di aver visto l'ascensore scendere ad una velocità anomala ed in seguito di aver udito un forte boato. Si stanno svolgendo delle indagini per appurare se il consorzio pubblico che si occupa della gestione avesse svolto i controlli semestrali obbligatori di manutenzione, a quanto pare, mezz'ora prima del crollo c'era stata una segnalazione di malfunzionamento dell'ascensore ma nessuno ne aveva chiuso l'accesso in via precauzionale, si indaga anche sul perché il freno d'emergenza non si sia attivato automaticamente impedendo lo schianto.

Inevitabili le polemiche da parte dei concittadini di Ilaria Porrato che hanno manifestato il proprio terrore dichiarando che in futuro probabilmente eviteranno l'uso dell'impianto. Un abitante del luogo durante un'intervista ha spiegato che i cavi dell'ascensore (costruito più di 50 anni fa) erano stati tutti sostituiti l'anno scorso e che l'impianto sembrava affidabile.