Nelle ultime ore, lacronaca nera ha avuto come protagonista la vicenda dell'irruzione di due uomini che, armati di coltello, a Saint-Etienne-de-Rouvray, in Normandia, hanno preso d'assalto una chiesa, intorno alle ore 10.00, tenendo in ostaggio il parroco, due suore e due fedeli, durante la Santa Messa del mattino. Intanto,Hollande, contrattacca sui Social: ''Combatteremo questa guerra.''

Francia: presa d'assalto una chiesa nei pressi di Rouen.

26 luglio 2016: torna il terrore in Francia, ''Patria della Libertà d'Espressione'', meno di due settimane dopo la strage di Nizza, avvenuta lo scorso 14 luglio.

Martedì, due uomini hanno fatto irruzione in una chiesa, poco distante da Rouen; la vicenda si è conclusa con l'assassinio di un parroco, sgozzato dopo essere stato tenuto in ostaggio, insieme a due suore e due fedeli della parrocchia. A dare l'allarme, è stata una terza suora, che è riuscita a scappare e a sfuggire agli attentatori.

L'esecuzione jihadista, raccontata dalla suora sopravvissuta:

''I due carnefici hanno recitato un sermone, in arabo, vicino all'altare della parrocchia.'' Poi hanno sgozzato Padre Jacques, come una bestia sacrificale. A raccontarci l'ultimo episodio di follia islamista, è la suora, riuscita a dare l'allarme, permettendo alle ''teste di cuoio francesi'' di intervenire tempestivamente.

Il terrore jihadista irrompe, per la prima volta, in una Chiesa europea. La polizia è riuscita a stroncare i due assalitori che hanno attaccato i fedeli, al grido di ''Allahu Akbar'' (Allah è il più grande) e ''Daesh'' (l'acronimo in arabo di Isis, che indica il Califfato.).

La suora, sopravvissuta alla vicenda criminale, ha raccontato che Padre Jacques ''è stato fatto inginocchiare, e uno dei due carnefici ha recitato un sermone in arabo, vicino all'altare.

L'altro attentatore, riprendeva tutto con il cellulare.'' Una scena, questa, che ricorda troppo da vicino i video delle decapitazioni diffusi dai taglia-gole dell'Isis. ''Sono scappata quando hanno cominciato ad aggredire Padre Jacques - ha aggiunto la suora''. Una volta chiamate dalla suora, le forze dell'ordine sono intervenute rapidamente e hanno circondato il quartiere.

Sono stati gli uomini della Bri di Rouen a neutralizzare gli assalitori, quando armati di coltelli, sono apparsi al grido di: ''Allahu Akbar!''

I Social si scatenano contro il terrorismo

I Social si dicono stanchi di ''pregare'' silenziosamente, e reagiscono prontamente, sospinti da un profondo senso di unione e spirito di ribellione, al susseguirsi delle notizie sui continui attacchi terroristici che, intanto dividono l'opinione pubblica e compromettono la sicurezza civile e la pace internazionale. Su Twitter, c'è chi ha dato alla luce, dei nuovi ''trend topic #hashtag'', dedicati al prete Jacques Hamel, sgozzato, nella sua amata parrocchia.

@FrMSilloway scrive su Twitter: ''Padre Jacques Hamel è morto oggi, mentre celebrava una Messa in Francia.

#IoSonoPadreJacques. #JesuisPrereJacques #JesuisJacques. Prega per noi tutti, Santo Martire, di Dio!''

''Pregare'' significa non sentirsi più soli. ''Pregare'' significa amare la diversità, che è una ricchezza per l'umanità. Come mai ce la si prende sempre con i più deboli? Perché i più deboli, gli emarginati, i soli, sono capaci di compiere atti straordinariamente grandi, come di ricordarci che c'è bisogno di amore. Il mondo è malato e vive una profonda crisi di valori. Tra cui la libertà di espressione, la fraternità, l'uguaglianza. Siamo tutti figli di Dio.

Il Presidente della Repubblica Francese, François Hollande, dichiara su Twitter:''Mirano ad attaccare la nostra Democrazia, che è il bersaglio scelto, e sarà il nostro scudo; è la nostra unità, a darci forza.''

Intanto, Matteo Renzi scrive il suo messaggio di commozione e sdegno, per l'accaduto in Francia. L'Italia e l'Unione Europea dovranno dimostrarsi più forti, non chiudendosi a riccio, ma tenendo forte la propria identità.