E' morto ieri il base jumper Alexander Polli nella zona di Chamonix, a circa 1500 metri di altitudine, dopo che in tarda mattinata si era lanciato con la sua tuta alare. Fatale è stato il tragico schianto contro un albero, stando a quello che riferiscono i media francesi.

Polli, volto noto al mondo del base jumping, era noto per aver fondato il gruppo "Morals Arrivederci", che riuniva appassionati del genere che erano soliti riprendere le loro imprese postandole poi su internet.

Pubblicità
Pubblicità

Di origini italo-norvegesi, Alexander Polli aveva 31 anni, un anno in meno del trentenne Uli Emanuele, morto tragicamente qualche giorno fa sempre in seguito ad un lancio con la tuta alare.

La dinamica dell'incidente

Stando alle ricostruzioni, la morte sarebbe avvenuta sulla cittadina dell'alta Savoia nella prima mattinata di ieri, lunedì 22 agosto, dopo lo schianto accidentale contro un albero. A dare l'allarme quattro suoi amici e compagni di volo che hanno assistito all'accaduto.

All'arrivo dei soccorsi Polli era ancora vivo e cosciente, è morto poco dopo il suo trasporto in ospedale per arresto cardiaco dovuto alla gravita delle lesioni riportate.

L'ennesima tragedia in pochi giorni

Sembra una maledizione quella che sta colpendo il mondo del Base Jumping in questi giorni. Alexander Polli muore sei giorni dopo la morte del più famoso base jumper italiano, Uli Emanuele, morto dopo essersi schiantato contro una parete rocciosa in seguito alla collisione in volo con un altro base jumper, di cui ancora non sono state rese note le generalità.

Pubblicità

Uli Emanuele aveva trent'anni, era famoso per lanci al limite del folle che venivano puntualmente ripresi con la sua fedele go-pro ricevendo milioni di visualizzazioni sul web, il più famoso quello in cui riusci a passare in un buco nella roccia sulle Alpi svizzere, largo poco più di due metri.

Con oltre 2200 salti all'attivo, lo schianto è avvenuto  dopo essersi lanciato dalla parete di Muerren (Alpi svizzere) tragicamente nota al mondo del base jumping perché, dal 1989 ad oggi, ha visto la morte di 40 base jumper.

Leggi tutto