E' passato un mese dall'orrendo omicidio di Giulia Ballestri (39 anni) uccisa a bastonate presso la sua abitazione. Il marito Matteo Cagnoni (51) noto dermatologo, è tornato a Ravenna, la città in cui tutto è iniziato. Un ritorno di certo non da uomo libero. L'uomo è stato trasferito dal carcere di Sollicciano (Firenze) a quello ravennate di Port'Aurea. Il dottor Cagnoni, detto il "dermatologo dei vip", al momento condivide la sua cella con un altro detenuto. Tuttavia, questo trasferimento non sarebbe scaturito da un desiderio dell'indagato, più che altro ciò è parte di un processo al fine di avvicinare il Cagnoni alla procura competente. 

Omicidio Ballestri: gli sms all'amante

Nel giardino di una villa appartenente ai coniugi Cagnoni-Ballestri, la mattina del 16 Settembre, erano entrati Matteo e Giulia.

Poco dopo, lei è stata uccisa. Tuttavia, non era la prima volta che marito e moglie erano andati in quel luogo. Già il 19 Agosto scorso, Giulia aveva scritto al suo nuovo amore un messaggio in cui gli diceva che sarebbe dovuta andare con Matteo il giorno dopo alla villa "per dei quadri", aggiungendo però che non si fidava. La visita in villa era forse la prova generale del delitto? Cagnoni stava pianificando tutto come pensano gli stessi inquirenti? Il dermatologo (che da sempre si dichiara innocente) nell'interrogatorio ha ribaltato tutto. Il Cagnoni ha infatti dichiarato: "E' stata Giulia a voler andare alla villa". L'uomo ha forse attirato la moglie in quella casa per liberarsi di lei?

Ipoteticamente parlando, Cagnoni avrebbe fatto ciò spinto anche da risentimento e motivazioni economiche, dopo che la donna aveva conosciuto un altro uomo, chiedendo la separazione dal marito.

I migliori video del giorno

Lo scorso 3 Settembre, Giulia ha inviato un altro sms al suo amante. In esso, la 39enne afferma che il marito aveva un "programmino" quel pomeriggio, ma di non sapere quale precisamente. Gli inquirenti si sono dunque chiesti quale fosse il programma di Matteo quel giorno. Per loro, il Cagnoni avrebbe premeditato il delitto, portando con sè anche l'arma, un bastone lungo 55 centimetri, assieme ad un paio di guanti. Per aggiornamenti su questa ed altre notizie di cronaca, cliccate Segui