L'Italia è in allerta,tra pioggia, fango e macerie. La terra ha tremato nuovamente ieri sera, 26 ottobre,dopo il disastro del 24 agosto scorso. Tre scosse di Terremoto hanno colpito la zona della dorsale appenninica e i paesi vicini. Oscillazioni e tremori sono stati avvertiti anche a Napoli, Firenze,Roma, Gorizia e Bolzano. Una prima scossa di magnitudo 5.4 è avvenuta alle 19.10. Una seconda di 5.9 alle 21.10.

Stamattina un'altra scossa alle 9.12, di magnitudo 4.6, ha colpito soprattutto la zona di Macerata. Secondo i dati della protezione civile gli sfollati sono già tantissimi. Non si è ancora certi del numero, ma si pensa che si aggirino intorno ai 23 mila.

Oltre alle tre forti scosse di terremoto, ce ne sono state, più o meno, altre 150 di assestamento. Per ora non si parla di morti. Un anziano di 73 anni è, però, deceduto a causa di uninfarto a Tolentino.Attimi di terrore sono stati vissutitra Perugia, Norcia e Macerata.

I comuni maggiormente colpiti sono: Tolentino, Ussita, Camerino, Muccia, Norcia, Visso, Castelsantangelo sul Nera e Preci. E' crollato, inoltre,l'intero Palazzo del Comune di Amatrice, già colpito e indebolito dal terremoto dell'estate scorsa. Le complicate condizioni metereologiche hanno rallentato i soccorsi. Stamattina le protezione civile ha iniziato a valutare i danni per stabilire emettere in atto le prime strategie di intervento.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Ora, oltre ad ulteriori scosse, si temono le frane.

Ad Ussita è crollata la chiesa e sono circa 250 gli sfollati che hanno bisogno di aiuto, il sindaco Marco Rinaldi ha affermato: "Ussita vive di turismo, ma ora non sappiamo più che cosa fare. I cittadini non vogliono andarsene".Pazzaglini, sindaco di Visso, ha detto: "Stiamo valutando la possibilità delle tende, ma non è la soluzione ideale. Fa freddo e la maggior parte dei cittadini sono persone anziane".

Tra le località di Visso e Fabriano sono nove i feriti. Nessuno è in gravi condizioni. Evacuati carceri ed ospedali. Tanto disagio nelle zone in cui manca ancora l'acqua e la luce.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto