Ci vorrebbe la penna di Dan Brown per tracciare la trama di un tessuto narrativo che lascia senza fiato e che coinvolge, ancora una volta, il vaticano, per molti roccaforte di segreti e verità mai svelate.Sconvolge, infatti, l'ultima rivelazione di WikiLeaks, resa nota - insieme ad altri 2mila messaggi - nelle scorse ore: la Santa Sede sarebbe consapevole dell'esistenza di forme d'intelligenza extraterrestre.

L'autore di una simile rivelazione sarebbe l'ex astronauta Edgar Mitchell, uno degli uomini dell'Apollo 14, deceduto nel febbraio 2016.

L'affermazione, che sarebbe stata inviata via mail nel 2015 dallo stesso Mitchell a John Podesta, direttore dell'attuale campagna elettorale di Hillary Clinton, giunge inaspettata e soffia, come vento improvviso, sulla tempesta del duello Clinton-Trump per la presidenza degli Stati Uniti.

La reazione di Hillary

Ancora una volta la Clinton, in testa negli ultimi sondaggi, deve difendersi dagli attacchi mediatici di WikiLeaks, ormai manifesta pedina dell'intelligence russa, e lo fa con tutta la sua usuale grinta, evidenziando l'intento diffamatorio di Julian Assange.

Ma la candidata democratica forse ha dimenticato di aver manifestato qualche mese fa, in un'intervista radiofonica, il suo interesse per la questione UFO, da anni al centro dei dibattiti negli Stati Uniti, Paese che ha sempre chiesto la rivelazione di verità taciute o, forse, inesistenti.

I segreti del Vaticano

Ma a prescindere dal clima incandescente della campagna elettorale statunitense, il giallo sulla questione Ufo s'infittisce e assume i contorni e il fascino del mistero.Sempre Mitchell avrebbe, infatti, dichiarato in un altro messaggio indirizzato nuovamente a Podesta: "Il mio collega cattolico, Terry Mansfield, ci aggiornerà sulla consapevolezza del Vaticano rispetto all'Eti".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
UFO

E da ultimo, in piena atmosfera da "guerre stellari", avrebbe ipotizzato una prossima guerra nello spazio.La causa? Troppi satelliti ruotano intorno al pianeta Terra, tutti appartenenti a Usa, Cina e Russia.

Insomma che si tratti di verità rivelate o meno, gli ingredienti ci sono tutti per soddisfare gli appetiti e le curiosità di un'umanità che, da sempre, scruta il cielo alla ricerca di nuovi spazi o di nuove vite.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto