Il Dipartimento di Stato degli USA ha lanciato sul suo sito internet un avviso di allerta per l'elevato rischio di attentati nelle maggiori città europee durante i giorni dedicati alle festività natalizie. I cittadini statunitensi che si accingono a partire per trascorrere i giorni di festa in Europa, in modo particolare nelle grandi città e nelle capitali come Londra, Parigi e Berlino, sono invitati a fare molta attenzione, soprattutto ai luoghi molto affollati ed ai tradizionali mercatini.

L'avviso del Dipartimento di Stato

Il testo dell'avviso diramato dal Dipartimento di Stato è molto chiaro e precisa che il rischio di attentati rimarrà elevato fino al 20 febbraio, perché ci sono indizi in base ai quali alcune cellule del sedicente Stato islamico si starebbero organizzando per compiere attacchi in Europa durante le feste.

"Abbiamo Informazioni credibili che indicano che lo Stato Islamico, al Qaeda e gruppi affiliati continuano a pianificare attacchi terroristici in Europa, con attenzione al periodo natalizio", avvertono i responsabili del Dipartimento di Stato, invitando gli statunitensi in viaggio ad evitare il più possibile i luoghi affollati.

L'allerta rimarrà in vigore fino al prossimo 20 febbraio.

La paura dei commercianti

I commercianti che gestiscono le bancarelle dei mercatini di Natale più famosi sono a dir poco preoccupati e stanno cercando di mantenere la calma, anche se con il clima di tensione che si è creato negli ultimi mesi non è affatto facile.

La paura di chi espone le proprie merci è che, con tutti gli allarmi per possibili attacchi, e visti i deliranti proclami del sedicente Stato islamico che promette di colpire proprio i mercatini natalizi, i loro affari potrebbero subire un duro colpo, dato che tutte queste minacce potrebbero dissuadere i residenti e i turisti dal comprare.

"Credo sia impossibile fare più controlli di quanto già facciamo" ha dichiarato Gunda Kniep, la storica direttrice del mercatino di Natale della piazza Gendarmenmarkt, a Berlino.

I migliori video del giorno

"Il pericolo non può mai essere escluso, ma la mia speranza è che questa piazza a Berlino non sia un bersaglio" ha precisato la Kniep.

Arresti a Strasburgo e Marsiglia

Solo la settimana scorsa, sette persone sono state arrestate a Strasburgo e Marsiglia, con l'accusa di essere in procinto di progettare degli attentati nelle suddette città. Per questo motivo, l'allarme terrorismo è ora ai massimi livelli. Nelle abitazioni degli arrestati sono state trovate armi, munizioni e diverso materiale di propaganda jihadista, e questo dimostra che la lotta contro l'ISIS non è ancora finita.