La notizia sta provocando non poca preoccupazione nel lodigiano e nelle provincie limitrofe. Nelle ultime settimane sono stati segnalati già due casi simili di bambini che, mentre passeggiavano da soli, sono stati avvicinati da un furgone alla quale guida pareva esserci un malintenzionato che, con qualche banale scusa, ha provato a convincerli a salire a bordo del veicolo.

La notizia è apparsa sui quotidiani locali e si è sparsa presto tra i genitori. Inoltre in questi giorni sta facendo il giro dei nostri cellulari un messaggio che allerta che un furgone bianco della Mercedes (con targa CV171LT) è stato avvistato mentre provava a convincere l'ennesimo bambino.

Il messaggio con copia-incolla è stato inviato in svariati gruppi Whatsapp e sui vari social network e tutti i genitori lo stanno ricevendo proprio in queste ore.

C'è chi assicura che la cosa sia accaduta a San Colombano al Lambro, chi a Casale, chi a Mulazzano, chi a Pieve Fissiraga e chi a San Donato Milanese. In realtà resta ancora un mistero da dove sia partito questo messaggio, ma intanto in ogni comune l'allerta è massima e chiunque avvista questa targa, o comunque un furgone sospetto, viene invitato a contattare immediatamente le Forze dell'Ordine. Ma è tutto vero oppure una tipica "bufala"?

Qualcuno lo ha visto davvero oppure si tratta di una psicosi come quella già diffusasi due anni fa con il caso dei clown? Da dove è partito realmente questo messaggio? Il dubbio ormai ce l'hanno un po' tutti e qualche carabiniere ha già smentito la notizia.

I migliori video del giorno

Anche se non si sa di preciso dove e quando, che in passato qualcosa del genere sia realmente accaduto è indiscutibile, ma ora effettivamente la cosa pare molto strana: questo furgone, di cui si avrebbe ormai modello, colore e soprattutto targa, riesce davvero a circolare indisturbato nei nostri centri abitati senza che nessuno riesca a bloccarlo?

Ed è così che ora è partita addirittura la contro-catena di messaggi a chiarire che in realtà si tratterebbe di una bufala. Se non vi è ancora arrivato questo messaggio, tranquilli perché non passeranno tante ore e lo riceverete anche voi. Intanto, bufala o non bufala, il mistero resta. Ma è buona cosa ribadire un concetto: fate sempre attenzione a mandare in giro da soli i vostri figli e comunque avvisateli su come devono comportarsi nel caso che qualche sconosciuto dovesse provare a concedergli un passaggio, ma il tutto senza creare alcun panico.