Il titolo di questa notizia può sembrare l'ennesima bufala postata nel web, ma il dilemma che attanaglia la NASA da molti anni ancora non è stato risolto. Infatti, la società spaziale da tempo sta cercando un rimedio per aiutare i propri astronauti a defecare velocemente e in maniera pulita senza l'ausilio di pannoloni, mentre utilizzano la tuta spaziale. Questo problema ha portato a creare un concorso, mettendo in palio 30000 dollari per la persona che proporrà l'idea migliore per risolvere questo problema.

Ecco perché eliminare i pannolini dalle tute spaziali

Nonostante la tecnologia avanzata nelle mani della NASA, il problema igienico per gli astronauti è davvero importante.

La tuta spaziale da loro utilizzata, in caso di emergenza, potrebbe essere indossata per ben 144 ore, e un pannolone indossato con degli escrementi per più di qualche ora può comportare gravi rischi di infezione. Da questo nasce il bisogno di un invenzione capace di potere eliminare i residui organici in meno di 5 minuti dalla tuta, senza il pericolo di depressurizzazione della stessa. Ad oggi comunque non è stata ancora presentata una idea valida per risolvere questo problema alquanto imbarazzante.

Concorso NASA: 30000 dollari in palio

Il concorso ideato dai tecnici della Nasa mette in palio 30000 dollari è avrà termine il 20 Dicembre 2016. Gli scienziati del colosso spaziale hanno pensato che se loro non riescono ad avere la soluzione al problema igienico degli astronauti potrebbero trovarla in una mente comune.

I migliori video del giorno

Per potere partecipare, l'individuo che vorrà proporre il proprio progetto dovrà basarsi comunque su dei punti base che la NASA ha fissato:

  • Deve essere adatto all'utilizzo in situazioni d'emergenza.
  • Non deve essere difficile da installare nella tuta e in un tempo massimo di 5 minuti.
  • Deve essere funzionante per garantire l'igiene intima almeno 144 ore.
  • Deve essere totalmente compatibile con la tuta e fatto con materiali adatti all'uso nello spazio.

La questione è molto importante e l’astronauta Richard Mastracchio nel video di propaganda del concorso spiega il perché di tale importanza di questo progetto.