Mentre l’America è al voto per eleggere il nuovo presidente, succede un altro (l’ennesimo) episodio di violenza e Morte. A pochi metri di distanza dal seggio elettorale di Azusa, città della contea di Los Angeles, nello Stato della California (non nuovo a simili tragedie), un uomo ha aperto il fuoco contro alcuni agenti della polizia locale. Il bilancio della sparatoria è grave: al momento si contano due decessi e altrettanti feriti.

Successivamente, il protagonista della sparatoria è stato rinvenuto privo di vita nella propria abitazione. La zona in cui si è verificato il misfatto (erano circa le ore 14 locali di martedì 8 novembre), è stata prontamente evacuata e oltre al seggio elettorale, sono state serrate alcune strutture presenti nell’area, tra cui un distretto medico e due poli scolastici. Le forze dell’ordine hanno altresì suggerito ai residenti di mettersi al riparo.

Il perché di questa sparatoria? Non è dato saperlo, ma le autorità si affrettano ad escludere qualsiasi rapporto tra essa e la tornata elettorale. Quindi si tratta di un gesto isolato e svincolato dall’Election day? Difficile crederlo, ma mentre si attendono sviluppi, resta una macchia di sangue nel giorno in cui gli USA hanno gli occhi del mondo addosso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto