Probabilmente i polli erano finiti la notte di venerdì a Sinnai quando Nicola Podda, 21 anni, di Maracalagonis e Antonio Malocci 23enne del paese, sono stati arrestati dai Carabinieri con le mani nel sacco in via Lussu. I due vevano appena rubato e nascosto in diversi sacchi – secondo l’accusa – 14 conigli e un tacchino, tutti ancora vivi. Per i due giovani sono scattate le manette per il reato di “concorso in furto aggravato di animali da cortile”, si legge nel verbale dei militari dell’Arma.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Dopo tutti i controlli di rito i presunti ladri di conigli e un tacchino sono stati rinchiusi in una camera di sicurezza della Caserma dei Carabinieri, in attesa del processo che si svolgerà in un’aula del Tribunale di Cagliari.

Le povere bestiole, tutte sane e salve, sono state restituite al suo legittimo proprietario. Un anziano allevatore di 77 anni di Settimo San Pietro, dove appunto con ogni probabilità erano stati rubati gli animali.

Razzia notturna

Era da poco passata la mezz’ora dopo la mezzanotte quando i Carabinieri di Sinnai – impegnati in un normale giro di controllo tra le strade del paese – hanno incrociato i due giovani che, secondo la ricostruzione degli inquirenti, stavano scappando da via Lussu con in mano diversi sacchi, che poi si è scoperto fossero carichi di animali ancor vivi che, con tutta probabilità, erano stati anche rubati. I militari si sono messi immediatamente all’inseguimento dei due giovani che, una volta sorpresi, si sono rapidamente disfatti della refurtiva e hanno tentato in tutti i modi di far perdere le loro tracce, dandosi alla fuga per le vie del paese.

I migliori video del giorno

L’arresto

Ma i Carabinieri sono stati più veloci e, non senza difficoltà, sono riusciti a bloccarli dopo una breve colluttazione che è costata qualche giorno di cura a uno dei militari intervenuti. La refurtiva a quel punto è stata recuperata e i due giovani sono stati ammanettati e accompagnati in Caserma in attesa del processo. Soltanto dopo l’arresto si è scoperto che gli animali erano stati rubati al 77enne allevatore di Settimo San Pietro.