Umberto Veronesi è morto ieri sera a Milano all'età di 90 anni. L'oncologo, politico e senatore ha sostenuto tantissime battaglie per la lotta al cancro. Veronesi avrebbe compiuto 91 anni il prossimo 28 novembre; ci lascia una persona che ha imposto le proprie opinioni ed esperienze in vari campi. Il suo nome è stato spesso legato agli studi per la lotta contro i tumori, ma Veronesi ha promosso molte campagne anche a favore dell'eutanasia.

Spesso aveva affermato di non aver paura della morte e si batteva per impedire ogni forma di accanimento terapeutico. Ci lascia una persona forte ed anticonformista non solo sul lavoro, ma anche nella vita privata; nel suo libro infatti ammetteva di aver tradito la madre dei suoi sei figli Sultana Razon; soprattutto le rivelò che aveva avuto un figlio con'altra donna.

Veronesi e la cura del tumore al seno

Umberto Veronesi nacque a Milano nel 1925 e si laureò in Medicina e chirurgia nel 1952; nello stesso anno lascia il nostro Paese per studi, poi torna e diventa volontario all'Istituto nazionale dei tumori per diventarne successivamente direttore nel 1975.

Dieci anni prima, nel 1965, diventa uno dei fondatori dell'Associazione italiana Ricerca sul Cancro (Airc), infine nel 1982 fonda la Scuola europea di oncologia. È stato uno dei fondatori dell' Associazione italiana di oncologia medica (Aiom). Nel 2003 nasce la Fondazione Umberto Veronesi, dove si svolgeranno numerosi studi sul tumore al seno. Da lì è nata la tecnica così definita "chirurgica conservativa" per i tumori di tipo mammario, dove Veronesi ha dimostrato che la tecnica della quadrantectomia aumenta le percentuali di sopravvivenza delle pazienti colpite dal tumore al seno; naturalmente il tutto deve essere abbinato ai cicli di chemioterapia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza

Questa nuova tecnica ha permesso di non asportare l'intera mammella per togliere il cancro sul tessuto mammario. Veronesi verrà anche ricordato per il suo sostegno verso il rispetto di tutti gli animali, infatti era uno dei maggiori sostenitori del vegetarianismo, e più volte si è dichiarato sfavorevole al consumo di carne di tipo animale. Ci ha lasciato un uomo favorevole alle unioni fra omosessuali e sosteneva che era giusto che avessero gli stessi diritti degli etero.

Più volte si era espresso a favore del testamento biologico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto