George Michael è morto e la triste notizia ci giunge oggi 25 dicembre 2016. Il mondo della musica e i milioni di fan che l'hanno seguito fin dagli esordi sono ancora increduli: in una giornata di festa è venuta a mancare una vera e propria icona. C'è chi ha gridato all'ennesima bufala social per destare scalpore e invece no: la morte del cantante George Michael è stata confermata niente di meno che dal suo pubblicista personale. L'annuncio è stato dato questa sera alle ore 11:00 p.m nel corso di una dichiarazione stampa. Il pubblicista e grande amico del cantante ha fatto sapere che 'Michael è morto serenamente a casa sua'.

Pubblicità
Pubblicità

La morte di George Michael paralizza il mondo della musica

Il pubblicista di George Michael ha annunciato pubblicamente la morte del cantante alle ore 11.00 p.m del giorno 25 dicembre 2016. Poche parole ma sentite: 'Michael è morto circondato dall'affetto dei suoi cari. E' con grande tristezza che siamo in grado di confermare che George, nostro amico, figlio e fratello, ci ha lasciati serenamente in questi giorni dedicati alle festività natalizie'.

La breve dichiarazione si è conclusa con l'invito del pubblicista a rispettare, per quanto possibile, la privacy della famiglia di George, già provata emotivamente: 'In questa fase non ci saranno altri commenti', queste le ultime parole dell'uomo.

Il Natale 2016 sarà ricordato tristemente per la dipartita di un'icona musicale. George Michael, morto a 53 anni nella sua casa, ha rivoluzionato il mondo del pop e venduto oltre ottanta milioni di dischi.

Pubblicità

La sua carriera è lunghissima, se si pensa che dura da ben quarant'anni. Esordì come semplice metà nel duo Wham, ma la sua forte personalità e la sua voce inconfondibile lo portarono a tentare la scalata del successo, raggiunto pienamente con il singolo Careless Whisper. Il primo album, Faith, scalò la vetta delle classifiche sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti, vendendo più di venti milioni di copie. La morte di George Michael ha lasciato il mondo senza fiato, consapevole di aver perso uno degli artisti pop migliori, che resterà però per sempre nella storia della musica.

Ciao George.

Leggi tutto