E' accaduto in Sardegna, in un paese nelle vicinanze del capoluogo isolano.

Una rapina a Samassi, perpetrata ai danni di un ufficio postale, da parte di due giovani ragazzi.

I Carabinieri li hanno arrestati, ritrovando anche l'auto utilizzata per la rapina

Due ragazzi di Decimoputzu, stavano cercando di nascondersi in un'azienda agricola di Samassi. Sono invece stati colti di sorpresa ed arrestati dai Carabinieri, della compagnia di Sanluri.

I ragazzi arrestati sono: Igor Pusceddu e Nicola Puddu, coetanei di 22 anni. I due avevavno messo a segno una rapina all'ufficio postale di Samassi, utilizzando per la fuga, una Fiat Punto, lasciata a circa un chilometro di distanza a causa di un incidente. Insomma una fuga certamente convulsa, effettuata da su ragazzi, probabilmente non veri e propri professionisti.I carabinieri, hanno ritrovato anche le armi adoperate per perpetrare la rapina, una scaccia cani ed una carabina.

Il comandante provinciale dei carabinieri della compagnia di Cagliari, ha messo in evidenza come il dispositivo, abbia funzionato molto bene. Allo stesso hanno partecipato infatti oltre a Cagliari, anche Sanluri e Samassi, oltre al nucleo degli elicotteristi, d'istanza presso l'aeroporto di Elmas. Il colonnello Minniti ha anche messo in evidenza come, altri giovani rapinatori erano stati arrestati nei giorni scorsi.

Questo certamente, secondo i carabinieri, potrebbe essere un periodo molto caldo, per questa tipologia di reato.

Con la circolazione maggiore di denaro, dovuto al pagamento delle tredicesime, infatti, gli uffici postali e i pensionati, potrebbero essere presi letteralmente d'assalto dai malviventi. Il capitano Mureddu della compagnia di Sanluri, invece ha voluto mettere in evidenza un altro aspetto, certamente importante.

Sono stati infatti messi in campo dieci pattuglie e venti uomini, che insieme alla collaborazione dei cittadini, hanno fatto si che, i due rapinatori venissero arrestati. Il proprietario della Fiat Punto rubata, ha riconosciuto la sua autovettura, dalle immagini del telegiornale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto