La Terra dei Fuochi continua a mietere vittime. L'ultima è stata Davide Ricciardi, un bimbo di soli 7 mesi. A Davide era stato diagnosticato un tumore quando aveva appena 60 giorni di vita. Un dramma immenso dovuto all'insensibilità e all'incuria di molti uomini. Il piccolo, originario di Acerra, è stato ucciso dal forte inquinamento presente nell'area in cui viveva. I genitori non riescono a darsi pace, così come tutta la comunità acerrana.

Terra dei Fuochi grave insidia per i campani

Dopo Giovanni, bimbo di 5 anni morto una decina di giorni fa a Frattaminore, il cancro ha stroncato anche Davide. Antonio Di Donna, vescovo di Acerra, ha affermato durante i funerali di Davide Ricciardi che il piccolo è "una vittima innocente di un ambiente inquinato". La vita del bimbo è stata molto breve e piena di sofferenze; è stato battezzato addirittura in ospedale.

I medici, dopo la terribile diagnosi, hanno fatto il possibile per salvare il neonato, ma non ci sono riusciti. Il male ha vinto e la Terra dei Fuochi continua a rappresentare una grave insidia. Lo sanno bene i giovani genitori di Davide, che sono distrutti. Di Donna ha sottolineato che, attualmente, non ci sono parole per confortare la coppia; meglio scegliere la strada del silenzio.

La chiesa era piena durante l'omelia funebre.

Mentre il vescovo parlava, la gente piangeva ricordando Davide, un bimbo andato via a soli 7 mesi: un terribile destino che non gli ha permesso neanche di festeggiare il primo anno di vita con i suoi cari.

Rischio elevato di neoplasie nella Terra dei Fuochi

Francesco Ricciardi e Daniela La Monica, padre e madre di Davide, non hanno più lacrime per piangere. Durante l'omelia funebre, il vescovo di Acerra ha attaccato la gente avida che ha "contaminato le nostre terre".

È fuori di dubbio che l'inquinamento presente nella Terra dei Fuochi aumenti notevolmente il rischio di neoplasie. A tal proposito, Di Donna ha invitato i presenti a non arrendersi.

Secondo dati diffusi negli ultimi mesi dall'Istituto superiore di sanità, nei 55 Comuni campani denominati dalla legge "Terra dei Fuochi", il livello di ricoveri e mortalità è superiore rispetto alla media regionale. Troppi bimbi vengono ricoverati per tumori entro il primo anno di vita.

Ci sarebbe, inoltre, un boom di neoplasie del sistema nervoso centrale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto