L'Aquila. Neve e terremoto paralizzano l'abruzzo. Le difficili condizioni meteorologiche dei giorni scorsi hanno creato disagi a tutto l'Abruzzo mettendo in ginocchio migliaia di famiglie. E oggi quattro scosse di Terremoto hanno creato paura e allarme in tutta la Provincia dell'Aquila.

Paesi isolati con oltre cinquanta centimetri di neve

La situazione neve in Abruzzo non accenna a migliorare. Oltre alla costa da ieri sera è stato raggiunto dal maltempo anche l'entroterra e in particolare L'Aquila e la sua provincia.

Pubblicità
Pubblicità

Interi comuni sono isolati a causa delle abbondanti nevicate che hanno superato anche i 50 centimetri. Chiuse molte strade e viabilità a singhiozzo sulla strada dei Parchi. Le scuole sono state ancora chiuse e i sindaci continuano a chiedere ai cittadini di non mettersi in strada per evitare di intralciare i mezzi spazzaneve. Preoccupazione anche per le colture danneggiate e per i capannoni agricoli distrutti dalla neve.

Pubblicità

A Pescara il fiume è esondato e decine di strade sono state chiuse. Sul posto intanto è arrivato l'Esercito per far fronte all'emergenza. Militari sono in azione nella zona di Chieti e di Teramo.

Il terremoto mette in ginocchio l'Abruzzo, nuovi crolli nei Comuni dell'epicentro

Oltre all'emergenza neve in Abruzzo si deve fare i conti anche con la psicosi terremoto. Da questa mattina la terra ha ripreso a tremare creando il panico tra i residenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Tre scosse sono state avvertite tra le 10.25 alle 11.30 con una magnitudo di 5.4. L'ultima poco dopo le 14.34 nell'aquilano. Registrati alcuni crolli nella zona a confine tra l'aquilano e il reatino, precisamente a Monterale dove le famiglie sono ancora nelle case in legno a causa del terremoto di agosto scorso. Il prefetto dell'Aquila, Giuseppe Linardi, ha firmato un'ordinanza di chiusura di tutti gli uffici pubblici nel territorio provinciale per oggi e domani.

I Comuni hanno attivato tutti i servizi per poter prestare assistenza ai cittadini. Si continua a chiedere di non uscire di casa se non per necessità.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto