Annuncio
Annuncio

Il cane Dante, un beagle di sei anni, ha salvato la vita della sua padrona Renata compiendo un atto davvero incredibile. Ecco cosa ha fatto di così straordinario.

Cosa è accaduto

Dopo una lunga giornata di lavoro la padrona è rientrata in casa, era in bagno e all'improvviso ha avvertito un malore. Sofferente, si è immediatamente accasciata a terra cadendo bruscamente, ed ha cercato aiuto urlando e richiamano l'attenzione dei vicini di casa per essere soccorsa in tempo.

Renata, 47enne originaria di un piccolo paese in Toscana, Pontedera gridava disperata: "Sto morendo, qualcuno mi aiuti".

Cosa ha fatto Dante, il cane eroe

Sentendo la sua padrona urlare, Dante è corso in sala da pranzo e con il muso ha tentato di far cadere il cellulare della padrona che si trovava sul mobile porta televisione.

Advertisement

Dopo aver recuperato l'apparecchio è andato dritto in bagno, ha raggiunto la sua amata padrona e le ha dato la possibilità di chiamare immediatamente aiuto. Renata continuava ad urlare, temeva il peggio, ma così facendo il beagle Dante le ha salvato la vita. Nell'intervista rilasciata a La Nazione, è stata proprio Renata a raccontare l'accaduto, ma ci tiene a precisare che il suo fido animale non è neppure stato addestrato, anzi, si è sempre mostrato troppo intelligente alle esigenze umane ma mai avrebbe immaginato una cosa simile. Ricevuto il telefono ha subito chiamato il marito che è arrivato a casa e le ha prestato il "secondo" soccorso.

Un avvenimento straordinario che si colloca a pochi giorni da avvenimenti toccanti come ad esempio il gatto che dopo essersi perso in vacanza ha percorso tantissimi chilometri per ritrovare la sua famiglia e dare loro un ultimo saluto o ancora dal piccolo cucciolo di gatto investito che viene assistito a bordo di una strada da un compagno di avventure.

Advertisement
I migliori video del giorno

E pensare che ancora oggi ci sono persone che reputano gli animali esseri che dovrebbero stare lontani dalle persone, con continue discussioni nei condomini per la loro presenza o battaglie per il loro ingresso nei mezzi di trasporto o luoghi pubblici. La storia di Dante può essere una valida risposta senza precedenti a chi è ancora scettico sul rapporto uomo-animale, perché in questo caso ha salvato una vita umana.