E' successo nel Galles, un ragazzo di 17 anni è corso in Ospedale per dei fortissimi dolori all'addome. I medici però lo avevano rimandato a casa consigliando ai genitori di farlo risposare. Qualche ora dopo, il ragazzo è stato trovato morto nel suo letto.

Un forte mal di pancia

Jack Dunn un ragazzo gallese di 17 anni non riusciva nemmeno a camminare per i forti dolori che aveva alla pancia tanto che la madre lo aveva accompagnato all'ospedale Glamorgan Royal Hospital e aveva ascoltato attentamente il parere dei medici che avevano reputato che i dolori del ragazzo non erano nulla di grave.

Insomma, un antidolorifico e subito a casa. Ma purtroppo quel non intervento si è rivelato fatale visto che il ragazzo è stato trovato morto nella sua camera dai genitori qualche ora dopo. Il padre e la madre sono rimasti sconvolti dall'evento e ora sono disperati per la sua morte anche per il fatto di non avere i soldi per il suo funerale.

Gli amici di Jack hanno creato un sito su JustGiving per aiutare i suoi genitori ad ottenere dei soldi per una degna celebrazione funeraria dal momento che nessuno dei parenti era preparato per questo spiacevole evento; "chi mette da parte i soldi per il funerale del proprio figlio?" ha dichiarato in lacrime la madre di Jack, "lo si fa per il Natale o per i compleanni, nessuno dovrebbe vedere il proprio figlio morire".

Nel mondo c'è ancora chi muore di appendicite

Purtroppo non è il primo caso al mondo di morte per appendicite, tantissimi sono i casi come quello di Jack: morte per patologia non diagnosticata.

Pensate che 6 milioni al mondo di persone muoiono a causa del mancato accesso alla chirurgia, la maggior parte a causa dell'appendicite, un'infiammazione dell'appendice vermiforme che se non eliminata con la chirurgia può portare a gravi conseguenze come la peritonite e la morte del paziente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

17 milioni, il numero dei decessi a causa di patologie che potevano essere curate con la chirurgia nel mondo nell'anno 2010; secondo gli esperti tutto questo è inammissibile visto che viviamo in un mondo pieno di grandi tecnologie e la chirurgia medica è attualmente in uno stato avanzato, purtroppo però sono ancora moltissimi i medici che danno errate diagnosi o che sbagliano operazioni definite di routine.

"Non si può ancora morire per appendicite, travaglio e fratture ossee" ha dichiarato Lars Hagander, docente di chirurgia pediatrica dell'Università di Lund.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto