La scorsa settimana si è tenuta ad Imperia, noto comune situato sulla Riviera ligure di Ponente, un'iniziativa decisamente interessante: la cooperativa l'Ancora, in collaborazione con la sua affiliata A.F.P.L e con le associazioni Aifo e Giraffa a rotelle, ha organizzato un corso di formazione, che si è svolto lunedì 3 e mercoledì 5 luglio, rivolto a 26 migranti per farli diventare accompagnatori di persone con disabilità. I docenti del corso sono stati il pediatra Carlo Amoretti e la fisioterapista Caterina Castagneto.

Michela Aloigi: 'Il corso è stato bellissimo'

Il progetto ha visto la luce perché, successivamente alla decisione di impiegare alcuni operatori africani per accompagnare persone disabili sui pullmini che conducono al Centro ISAH e all'Anffas, ad Aifo Imperia era stato chiesto di mediare un incontro tra i suddetti operatori, i responsabili della cooperativa l'Ancora e le varie famiglie. Questo ha portato alla nascita dell'Associazione Integriamoci e alla decisione di mettere in atto un corso di formazione, finanziato dal Cespim, Centro Servizi al Volontariato della Provincia di Imperia, per insegnare ai ragazzi i rudimenti riguardanti il mondo della disabilità.

Susanna Bernoldi, che coordina il Gruppo Aifo Imperia, ha spiegato che il Dottor Amoretti ha illustrato ai corsisti quale debba essere la condotta corretta di un operatore di fronte a reazioni incontrollate da parte di un soggetto che ha una crisi epilettica o altri disturbi comportamentali.

La Dottoressa Castagneto, invece, avvalendosi dell'aiuto del collega Amoretti, della vicepresidente di Giraffa a rotelle Biancastella Casalino e di Matteo, figlio della presidentessa Michela Aloigi, ha mostrato come sollevare e spostare una persona con disabilità. La signora Aloigi si è detta entusiasta del risultato di questa esperienza, affermando che il corso sia stato molto bello e abbia riscosso un grande interessamento.

Un nuovo corso nel 2018

La Bernoldi ha spiegato come questo sia stato un primo corso, completamento gratuito, tramite il quale, con nozioni teoriche e pratiche, ci si è orientati al supporto della persona. Al termine delle lezioni, i 26 allievi hanno ricevuto un attestato di partecipazione e visto il successo riscontrato, la speranza è quella di bissare l'esperienza il prossimo anno, mediante un corso che sia ancora più specializzato e approfondito.