La situazione inerente al programma nucleare in Corea del Nord si fa sempre più delicata e le possibilità di un eventuale attacco nucleare da parte di Kim Jong Un sono sempre più alte. A lanciare l'allarme questa volta, è il governo delle Hawaii, il quale si dice quasi certo della possibilità che il dittatore Nord coreano possa dare inizio ad un conflitto, non badando a quanto richiesto dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti d'America. Secondo fonti locali, il governo delle Hawaii reputa la situazione critica ed è intenzionato a dare il via ad un piano pubblico d'emergenza.

Pubblicità

Piano d'emergenza per imminente attacco nucleare

Secondo quanto riportato dalla prima testata giornalistica della capitale Nord coreana, le isole Hawaii si stanno preparando per un possibile attacco nucleare e l'obiettivo sarebbe quello di istruire la popolazione. Se da una parte c'è chi reputa le isole Hawaii come un paradiso terrestre per vacanze da sogno, dall'altra i cittadini residenti stanno vivendo nel terrore che da un momento all'altro il nuovo missile intercontinentale, ossia il missile IBCM da poco testato da Kim Jong Un, li possa colpire portando con sè un testata nucleare.

Il presunto piano d'emergenza che il governo delle Hawaii ha intenzione di diramare comprenderebbe un avviso pubblico nei confronti della cittadinanza, ovvero delle disposizioni di emergenza in caso d'attacco nucleare destinate sia a scuole che a uffici pubblici, oltre alla cittadinanza tutta. Evitando così che l'eventuale panico causato da un attacco missilistico possa far sì che la cittadinanza si riversi in strada ed essere coinvolta con la possibile minaccia nucleare. Nello specifico, potrebbero essere indette anche delle esercitazioni pubbliche in modo periodico.

Pubblicità

Alta tensione tra Stati Uniti d'America e Corea del Nord

Se nelle passate settimane il governo di Seul condotto dal presidente Moon ha più volte dichiarato di voler aprire un dialogo con il dittatore Kim Jong Un, gli Stati Uniti si sono dichiarati già dal primo momento contrari a qualsiasi tipo di trattativa ed hanno chiesto a gran voce, sia alla vicina Cina che al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l'inasprimento delle sanzioni nei confronti della Corea del Nord al fine di convincere Pyongyang a sospendere il programma nucleare.

Alto rischio di attacco nucleare anche per l'Alaska, obiettivo che insieme alle Hawaii potrebbe essere sottoposto ad un rischio maggiore.