Il comune di Campobello di Mazara, nel Trapanese, ha deciso di aiutare un gatto felino affetto da AIDS. Per la cura del piccolo animale a quattro zampe sono stati spesi ben 2000 euro. I cittadini hanno ritenuto eccessiva tale spesa e sono iniziate le proteste.

La storia del gattino

La situazione ha preso il via lo scorso anno, quando un cittadino di Campobello di Mazara ha trovato un gattino ammalato ed ha segnalato la cosa alla polizia municipale. Il felino è stato curato e riabilitato presso la clinica di San Vito di Mazara del Vallo ed è stato in seguito trasferito all'interno dell'associazione Laica di Castelvetrano.

I volontari del posto hanno soprannominato il micio Ninù e quest'ultimo è rimasto nelle mani della clinica laica per circa tre mesi. Adesso il felino è stato adottato da una famiglia che abita al Nord Italia, la quale si sta prendendo cura del gattino scampato da un destino quasi segnato.

Le polemiche non si sono però placate, dato che curare questo gattino è costato al comune di Campobello di Mazzara ben 2.120 euro. Il gruppo politico 'Io amo Campobello', ha protestato riguardo alla vicenda, dichiarando che doveva essere coinvolta in questa situazione l'Azienda sanitaria. Il gruppo politico ha pronunciato le seguenti parole: 'Pensiamo a tutte quelle famiglie che vivono in una condizione di povertà o a tutti coloro che non riusciranno a passare un felice Natale a causa dei problemi economici.

Se pensiamo ancora una volta al gatto randagio e realizziamo come il nostro comune a cui paghiamo le tasse, sia stato disposto a sborsare bene 2000 euro per la sua cura, abbiamo perso tutti'.

La risposta dell'assessore

Il costo sostenuto dal comune è relativo a tutto l'iter assistenziale che ha aiutato il gattino a guarire dalla malattia.

L'assessore Natale Indelicato, in risposta alle critiche, ha dichiarato le seguenti parole: 'Una cittadina ci ha segnalato del gatto malato di Aids, malattia per cui altri animali potevano essere in seguito infettati e dunque l'animale necessitava di cure tempestive. L'Asp assicura solo alcuni tipi di trattamento, dai quali sono esclusi assistenza, intervento e mantenimento, perchè non possiede le strutture apposite ed è dunque stato necessario rivolgersi ad una clinica veterinaria per aiutare il felino. Inoltre, trattandosi di un'urgenza immediata, non è stato possibile attendere lo svolgimento e l'esito di una 'gara'.