Sulla base dei dati statistici rilevati dall’ultimo Rapporto Eurispes, il tema della violenza sulle donne sembra toccare di più le dirette ipotetiche vittime, piuttosto che gli uomini: 8 donne su 10, il 75,5% per la precisione, ritengono che le violenze e gli episodi di stalking siano in crescendo, mentre tra gli uomini intervistati solo il 69,9% ha risposto allo stesso modo. In generale, il 32% di essi ammette di conoscere almeno un parente o una persona cara che abbia subito molestie.

L’identità dello stalker: ecco le percentuali di denuncia

Il 12,6% delle donne afferma di aver subito in prima persona violenze psicologiche e fisiche reiterate nel tempo, nella fascia compresa tra i 18 e i 30 anni. Tante storie e tante situazioni diverse che trovano punti in comune nelle dinamiche e nell’identità dello stalker.

In un caso su tre si tratta di persone vicine alla vittima, come un ex partner (il 17%), un conoscente o un collega (il 14%).

Se di mezzo c’è stato un legame matrimoniale, molte delle vittime si sentono frenate nell’ammettere di trovarsi in una situazione di stalking. La tendenza è quella di giustificare tali azioni che vengono da un compagno fisso, il quale molto spesso è anche il padre degli stessi figli. Soltanto il 14,3% di esse ha il coraggio di denunciare lo stalker.

Altri dati statistici sulle azioni

I dati ci consegnano poi un quadro preciso di quelle che sono le azioni più comuni, tra cui l’atteggiamento vessatorio sotto forma di ripetuti messaggi o telefonate conditi di insulti (il 58,5%); la diffusione di informazioni diffamatorie sulla vittima (il 49%); pedinamenti (il 25%); danni a oggetti di proprietà (il 23%); aggressioni alle dirette vittime o a membri della famiglia/animali domestici (il 17%).

Il reato di stalking e lo “stop” alle condotte riparatorie

Il reato di stalking è stato introdotto in Italia nel febbraio del 2009. Esso sussiste nel momento in cui si delineano due tipologie di profili: un persecutore e una vittima che sente minacciata la propria incolumità e quella dei propri cari, nei casi più estremi. Il reato avviene se si verifica una reiterazione nel tempo dei suddetti comportamenti che portano così chi li subisce a mutare abitudini e a compromettere la propria qualità della vita.

Per atti persecutori di questa tipologia, la pena base va da sei mesi a quattro anni di reclusione. La pena si fa ancor più severa se lo stalker è un ex compagno della vittima.

Dal 2017, con la legge di riconversione (secondo quanto recita il comma 1 dell’articolo 2) del Dl 148/2017 che innesta un ultimo comma all’articolo 162-ter del Codice penale, il reato non si potrà più estinguere con “condotte riparatorie”, ossia pagando una somma di denaro equivalente al danno arrecato, che ne permetteva un’estinzione totale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto