Blitz di Pasqua e controlli a tappeto da parte dei carabinieri forestali nelle macellerie e aziende zoo-tecniche della Campania. Sono stati controllati e verificati ben 13mila capi, tra ovini e caprini. Nel corso delle attività d'indagine sono stati scoperti allevamenti senza licenza e quindi abusivi, etichette falsificate, prodotti alimentari (prevalentemente latte e carne) senza regolare tracciabilità.

Napoli e Caserta

A Napoli, zona Colli Aminei, e a Nola, in provincia, sono state multate due macellerie perché avevano esposto confezioni di carne di agnello con etichette riportanti informazioni errate.

Nel casertano, invece, sono stati controllati e sequestrati ben 14 allevamenti, nei quali sono emerse irregolarità per quanto concerne l'identificazione dei capi animali. Presenti anche registri di stalla non regolarmente e periodicamente aggiornati e latte fresco privo di qualsivoglia tracciabilità.

Avellinese e beneventano

Nell'avellinese è scattata la denuncia per due persone per il reato di macellazione clandestina e abusiva di 5 agnellini: i querelati, infatti, si accingevano a macellare gli animali senza rispettare la normativa igienico-sanitaria comunitaria e senza preventivo stordimento - previsto dalla legge - delle piccole bestiole.

Nello stesso casolare di campagna i carabinieri forestali di Avellino hanno trovato e sequestrato 26 agnellini, pronti per essere macellati, conservati in condizioni sanitarie molto precarie e nel totale spregio dei - seppur minime - requisiti di igiene. In un punto vendita carne di Mercogliano, in provincia di Avellino, i militari dell'arma hanno scoperto che i titolari commerciavano e vendevano carne di agnello spacciandola come allevata e prodotta in Italia, mentre i capi provenivano da allevamenti della Spagna.

Sempre nel territorio di Avellino, un anziano signore di San Potito Ultra praticava il mestiere di allevatore di caprini e ovini senza essere in possesso delle regolari autorizzazioni previste dalla legge e senza essere munito dell' iscrizione alla banca dati veterinaria.

Nel beneventano sono stati denunciati all'autorità giudiziaria due proprietari di aziende zoo-tecniche. I titolari della ditta si sono resi colpevoli di macellazione clandestina. Nei loro stabilimenti sono state poste sotto sequestro 11 carcasse di animali uccisi non recanti alcun indicazione circa la tracciabilità.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto