Nuovi guai all'orizzonte per johnny depp. Il famosissimo attore dovrà difendersi dopo che due sue ex guardie del corpo lo hanno citato in giudizio per aver lavorato troppo ed essere stati sottopagati per ben due anni. Come se non bastasse i due raccontano di aver dovuto fare da babysitter al figlio di Depp.

Fatti sconvolgenti

Eugene Arreola e Miguel Sanchez hanno intentato una causa contro l'attore americano, parlando del periodo che va da aprile 2016 a gennaio 2018, tempo in cui ai due non sarebbero stati riconosciuti gli straordinari, inoltre lamentano la privazione del cibo stesso e la negazione di pause mentre si occupavano dell'intera famiglia Depp.

Insomma una sorta di vero e proprio sfruttamento. Non è tutto, nella denuncia sporta dalle due ex guardie, si parla di fatti clamorosi. Uno degli episodi più sconvolgenti riguarda una serata in discoteca dove Johnny Depp ha obbligato i due uomini a pulirgli la faccia ricoperta di droga. Un'imposizione per evitare che qualcuno si accorgesse di qualcosa e scoppiasse uno scandalo mediatico.

Ma non è tutto, uno dei due racconta di aver dovuto fare da badante a uno dei figli dell'attore, non si specifica quale, che viveva in una dependance della villa di Los Angeles. La notizia fu ripresa da più giornali.

Le richieste

I due ex tuttofare di Depp chiedono indennizzi e risarcimenti, anche se non bene specificati. Al momento i legali del 'pirata dei Caraibi' non hanno risposto in alcun modo alle accuse mosse.

Proprio quest'ultimo era già stato coinvolto in una serie di cause legali, prima quella con l'ex società di gestione, poi quella legata alle accuse di violenza mosse dalla ex fidanzata Amber Heard. I due bodyguard sarebbe stati assunti prima che scoppiasse la bufera.

Il cambiamento di Depp

Come raccontano Arreola e Sanchez, ad inizio 2016 i due hanno cominciato a notare un cambiamento nell'attore che si rifletteva nell'atmosfera domestica.

Depp avrebbe cominciato a fare improvvisi e drastici cambiamenti all'interno del suo staff, creando alle persone che lo circondavano una vera e propria crisi economio-finanziaria. Ad aprile 2016, nel pieno del suo matrimonio con la Heard, ci fu il licenziamento della società che aveva ingaggiato i due bodyguard. Proprio questa situazione aveva obbligato i due a lavorare più ore del dovuto e ad occuparsi del divo a 360 gradi, anche in situazioni che avrebbero preferito evitare.

Segui la nostra pagina Facebook!