Lotta tra la vita e la morte Sergio Marchionne, stando a quanto comunicato ieri dalla società FCA. Dopo un intervento chirurgico alla spalla, a cui si è sottoposto il manager a fine giugno, sono sopraggiunte inattese complicanze durante la convalescenza post operatoria [VIDEO]. Aggravamento tale da non permettere a Marchionne di proseguire l'attività lavorativa. Le parole del comunicato, lette da John Elkann, esprimono una profonda amarezza per un leader illuminato che è riuscito a portare la FIAT fuori da una crisi profonda dal 2004 ad oggi.

Marchionne, improvviso aggravamento delle condizioni di salute per il manager di FCA dopo l'operazione

A fine giugno Sergio Marchionne è stato ricoverato in una clinica di Zurigo per sottoporsi ad un intervento chirurgico ad una spalla, ma le sue condizioni nel periodo di convalescenza seguito all'operazione si sono improvvisamente aggravate, tanto da costringere il Consiglio di Amministrazione di FCA a riunirsi d'urgenza nella giornata di ieri per redistribuire le cariche prima in capo al manager, a causa della sua impossibilità di continuare l'attività lavorativa.

Con un comunicato ufficiale FCA e John Elkann hanno voluto esprimere tutta la solidarietà alla famiglia ed il nipote di Gianni Agnelli ha voluto sottolineare lo straordinario contributo umano e professionale che Sergio Marchionne ha dato alla società in questi anni, un "leader illuminato e un punto di riferimento ineguagliabile [VIDEO]". Una situazione impensabile fino a poche ore fa che lascia tutti sgomenti.

Il manager in pullover che ha salvato Fiat e Crysler

Salito alla guida del Lingotto nel 2004, negli anni della crisi è artefice del rilancio di Fiat e dell'operazione Crysler. A seguito del peggioramento del suo stato di salute è stato sollevato dalla carica di Amministratore Delegato del gruppo FCA, l'azienda nata dalla fusione tra la casa automobilistica italiana e l'americana Crysler.

Ha guidato quindi il profondo rinnovamento di Fiat.

Classe 1952, figlio di un maresciallo dei carabinieri emigrato in Canada, Sergio Marchionne ha 3 lauree. Della sua vita privata si sa ben poco, in quanto negli anni ha mantenuto sempre uno stretto riserbo. Risiede ufficialmente in Svizzera, dove abitano anche la prima moglie Orlandina e i due figli. Dopo il divorzio, avvenuto 6 anni fa, pare che abbia intrapreso un'altra relazione, sempre all'insegna della discrezione. Famosa è la sua passione per i "pullover" che sono diventati la sua divisa dal 2004, quando ha sposato la filosofia casual dei manager d'Oltreoceano.