Una bambina libanese è deceduta a bordo di un aereo Alitalia mentre da Beirut si stava dirigendo a Roma insieme ai genitori. La bimba, di appena due anni, soffriva di problemi di salute e il viaggio ad alta quota non gli ha dato scampo, è morto a causa di un arresto cardiaco.

Bambina di 2 anni muore su un volo Alitalia

Il comandante del volo Alitalia aveva avvisato i genitori della piccola che il viaggio in aereo non sarebbe stato sicuro ma la bimba aveva ormai già ottenuto un permesso sanitario dalle strutture mediche del suo Paese per dirigersi all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. L'ospedale del Vaticano, infatti, la stava aspettando per tentare probabilmente nuove e migliori cure.

Quando l'aereo ormai stava già sorvolando il nostro Paese la bambina ha avuto una crisi cardiaca, una hostess della compagnia ha prestato i primi soccorsi tentando di rianimarla ma infine il comandante ha scelto di avvalersi di un atterraggio di emergenza a Bari.

Una volta atterrati, la famiglia libanese è stata immediatamente raggiunta dai medici del 118 che si sono prodigati nella rianimazione del piccolo, sfortunatamente senza riuscirci. L'aereo è atterrato [VIDEO] verso le 7 di mattina e il decesso è stato dichiarato qualche minuto dopo dai medici accorsi sul posto. Secondo le dichiarazioni della Polaria la bambina ha avuto una crisi cardiaca proprio verso la fine viaggio, nonostante le sue condizioni di salute al momento della partenza fossero stabili. L'aereo Alitalia, atterrato dopo una procedura di emergenza a Bari, dovrebbe ripartire in mattinata per la volta di Roma non appena il magistrato avrà terminato i rilievi di routine.

Sfortunatamente quando ci si trova a bordo di un velivolo, l'assistenza medica non può essere garantita e ci si deve affidare a kit di pronto soccorso o, al limite, ad atterraggi d'emergenza.

Malore a bordo di un aereo Ryanair

Qualche giorno fa, a bordo di un aereo Ryanair, a sentirsi male è stato il copilota di un Boeing che trasportava 186 passeggeri. L'aereo che proveniva da Londra Stansted e diretto a Palermo è dovuto atterrare a Trapani a causa delle condizioni meteo proibitive all'aeroporto Falcone-Borsellino. Il pilota aveva [VIDEO] dichiarato lo stato d'emergenza come da prassi e a Trapani il copilota è stato subito assistito dal personale medico che lo ha portato all'ospedale di Marsala. Per i 186 passeggeri a bordo il disagio non è durato molto, appena sceso il copilota l'aereo è poi ripartito per Palermo.