La tragedia avvenuta poco prima di mezzogiorno a Genova con il crollo del ponte "Morandi" sull'autostrada A10, sta portando con sé un numero sempre maggiore di morti e feriti. Secondo le ultime agenzia di stampa (aggiornate alle ore 19,00) il bilancio provvisorio è di 35 morti e 13 feriti gravi. Nel frattempo i soccorritori procedono nelle ricerche delle persone ancora sotto le macerie, in uno scenario surreale.

La tragedia è avvenuta nella tarda mattinata quando sul capoluogo ligure era in atto un vero e proprio nubifragio. Sul luogo del disastro sono attesi in serata il premier Conte e il ministro Di Maio.

Genova, il bilancio provvisorio parla di 35 vittime

Fonti dei Vigili del Fuoco fanno sapere che purtroppo, continua a salire il bilancio dei morti dopo il crollo del viadotto sull'autostrada A10. Al momento si contano 35 vittime e 13 feriti gravi.

Numeri che potrebbero aumentare nelle prossime ore. Tra i morti ci sarebbe anche un bambino. Secondo i soccorritori vi è anche il pericolo che altre parti del ponte "Morandi" possano crollare e per questo motivo sono state evacuate le persone residenti negli edifici circostanti. La tragedia avvenuta intorno alle 11,30, probabilmente è dovuta ad un cedimento strutturale della struttura che sovrasta il torrente Polcevera e il quartiere di Sampierdarena, uno dei più popolosi di Genova.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Stando a quanto riferito da alcuni testimoni alle agenzia di stampa, poco prima del crollo, un fulmine avrebbe colpito il ponte; al momento del disastro infatti su Genova si stava abbattendo un violento nubifragio.

Crollo ponte a Genova: Il premier Conte e il ministro Di Maio attesi nel capoluogo ligure

"Lo Stato c'è", con queste parole il premier Giuseppe Conte ha voluto tranquillizzare i cittadini liguri dopo la sciagura occorsa nella mattinata di oggi che ha visto il crollo del viadotto sull'autostrada A10.

Il Premier insieme al Ministro Di Maio, stanno per raggiungere Genova, dove si fermeranno presumibilmente anche nella giornata di domani.

Il ponte "Morandi", costruito tra il 1963 e il 1967, prende il nome dal suo progettista: Riccardo Morandi. Inaugurato nel settembre del 1967, ha negli anni subito molti interventi di ristrutturazione. Viene anche soprannominato "il ponte di Brooklin", per la vaga somiglianza con il più celebre ponte americano.

La società Autostrade fa sapere che il crollo del ponte è un fatto del tutto inaspettato e imprevisto in quanto il monitoraggio continuo sulla struttura non avrebbe mai segnalato nessuna anomalia e quindi non vi è mai stato nessun elemento che potesse far pensare che il ponte fosse pericoloso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto