Una brutta disavventura quella di uomo che, tornato dalle vacanze, non ha più trovato la sua auto al parcheggio. Il protagonista si chiama Mirko ma questo assurdo caso ha coinvolto almeno altre 50 persone. Mirko, prima di partire per le vacanze insieme alla compagna, aveva deciso di parcheggiare l'auto all'Easy Parking di Somma Lombardo, un parcheggio custodito ma low-cost vicino all'aeroporto di Milano Malpensa.

Malpensa, ritrova l'auto dopo 16 ore di ricerca

Era l'8 agosto di quest'anno e le aspettative scegliendo quel parcheggio sembravano buone. Il 19 agosto però, al ritorno dalle vacanze, la paura ha preso il sopravvento sulla coppia quando hanno visto che l'auto non era più dove l'avevano lasciata.

La ricerca della vettura è durata parecchio, alla fine l'hanno trovata dopo ben 16 ore di ricerche: si ritrovava nei pressi di un'abitazione a 16 km di distanza. Le sorprese però non sono finite, Mirko una volta salito a bordo ha visto che il contachilomecuriotri segnava ben 300 km in più rispetto a quando l'aveva parcheggiata. Accertata l'ultima beffa, Mirko Reale Ruffino, ha deciso di sporgere denuncia alla questura di Lecco dove attualmente risiede. L'uomo ha raccontato ai poliziotti di aver speso tutta la notte a cercare l'auto, non era in nessuna altra rimessa, salvo poi trovarla parcheggiata davanti un'abitazione di un titolare di un altro parcheggio; l'auto c'era ma [VIDEO] mancavano le chiavi, così per riportare la vettura a casa Mirko si è dovuto far raggiungere da un parente che gli ha portato la seconda chiave.

Un'assurdità a prima vista inspiegabile, una disavventura che è capitata ad altre 50 persone che hanno portato i carabinieri ad intervenire direttamente sul posto. Secondo il racconto di Mirko altre macchine sono state ritrovate parcheggiate in giro per il paese di Somma Lombardo, alcune addirittura con multe sul parabrezza.

La giustificazione di Easy Parking

Easy Parking, sempre secondo la dichiarazione di Mirko, si è giustificata addossando la colpa [VIDEO] a un dipendente che, andandosene, si era portato con se tutte le chiavi delle auto. I gestori del parcheggio low-cost, raggiunti dai giornalisti, non hanno smentito il racconto e anzi hanno confermato i disagi avvenuti. "Il problema è che è saltato il server, dunque non sapevamo più dove si trovavano le automobili" ha fatto sapere l'azienda, che ha concluso: "Al momento stiamo ancora gestendo l'emergenza, siamo ancora indietro di mezza giornata con le consegne".