Al momento, i negoziati tra gli USA e la Corea del Nord (nella persona del suo leader supremo Kim Jong-Un [VIDEO], 34 anni) sono in una fase di stallo. Proprio per questo, sembra che il dittatore sia tornato a muoversi nella direzione per lui più familiare, ovvero, quella degli armamenti. I media locali hanno comunicato recentemente il successo riguardante una nuova arma tattica ad alta tecnologia, di cui non si conoscono ancora i particolari. Il test sarebbe avvenuto alla presenza del dittatore in persona.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

L'uso del termine 'tattico', come fa notare anche l'Ansa, lascerebbe intendere che stavolta non si tratti dei 'soliti' dispositivi nucleari o missili a lungo raggio.

Strumenti di morte simili, in passato, erano stati facilmente rivelati da paesi vicini come il Giappone o la Corea del Sud, USA a parte.

Sembrava ieri, ma è già passato un anno dal lancio del missile balistico intercontinentale che, a detta di Pyongyang, sarebbe stato in grado di raggiungere in pochissimo tempo qualsiasi stato degli USA.

Corea del Nord, Mike Pence: 'Fatti grandi passi avanti'

Nonostante l'America guardi ancora con una certa premura ed attenzione ai recenti sviluppi in Corea del Nord, il vicepresidente Mike Pence, trovatosi di recente a Singapore per gli eventi dell'Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico, ha affermato che Washington e Pyongyang hanno fatto insieme grandi progressi, lasciando intendere che rispetto a prima, i rapporti siano migliorati.

Tuttavia, c'è ancora molto da fare. Il Dipartimento di Stato ha esternato la sua fiducia nei riguardi della dichiarazione congiunta di Singapore firmata da Donald Trump e Kim Jong-Un.

Quest'ultimo, seppur vagamente, aveva dato la sua promessa che avrebbe lavorato, con l'obiettivo di denuclearizzare [VIDEO] totalmente la penisola coreana.

Kim Jong-Un: al lavoro per sbloccare l'impasse

Certo è che Kim Jong-Un stia lavorando per sbloccare l'impasse. E' bene ricordare come dopo l'incontro tra lui e Trump, le sanzioni sulla Corea del Nord si siano alleggerite. Un evento questo, estremamente importante per la sopravvivenza economica dello stato asiatico.

Dopo di ciò, anche Cina e Corea del Sud hanno dimostrato un disgelo nei confronti di Pyongyang: la prima con il programma di sviluppo (a dir poco ambizioso) della città di Sinuiju, la seconda tramite il lancio di progetti congiunti tra le due Coree. E già si parla intanto di un nuovo summit Usa-Corea del Nord nel corso del 2019. A ricordare il nuovo incontro è stato lo stesso vicepresidente Pence, ma fino ad allora, gli USA agiranno con la 'massima pressione'.